Quantcast

Vicky, a ‘La Vita in diretta’ figuraccia di Termoli: “Telecamere spente”. Dubbi sulla versione del compagno

Nessuna traccia della 42enne scomparsa ma il caso diventa un giallo nazionale. Nessun riscontro alle parole dell'uomo con cui Victorine aveva una relazione e il grande rimpianto della videosorveglianza bluff

Dopo 23 giorni dalla scomparsa, di Vicky Bucci non c’è traccia, nemmeno minima. Ma il caso sta assumendo contorni di giallo nazionale, vista l’attenzione che la Rai sta dedicando alla donna di Larino che sembra essere svanita nel nulla dalla notte fra il 17 e 18 dicembre scorsi. E purtroppo è una figuraccia nazionale quella fatta da Termoli, visto che questo pomeriggio la trasmissione di RaiUno ‘La vita in diretta’ ha confermato quanto più volte scritto anche da Primonumero e cioè che “Termoli è piena di telecamere ma nemmeno una funziona“.

Non c’è quindi un solo fotogramma che possa essere utile agli inquirenti, che possa aver inquadrato l’auto di Victorine Bucci, quella Panda Rossa (modello recente, degli anni Dieci, e non la versione anni Ottanta mostrata da ‘La vita in diretta’) targata EM981ZK. Non c’è quindi un’immagine che possa confermare o smentire quanto il compagno di Vicky avrebbe detto alla Rai. Dopo ‘Chi l’ha visto?’, per il terzo giorno consecutivo il caso è stato analizzato nel pomeriggio di Rai Uno.

Anche questo pomeriggio 10 gennaio, pur non mostrando l’incontro con l’uomo, il programma condotto da Lorella Cuccarini e Alberto Matano ha riferito alcune dichiarazioni che il compagno di Vicky, un 55enne residente a Rio vivo, avrebbe rilasciato.

Vicky vita in diretta

Una versione che per altro durante la stessa trasmissione è stata messa in dubbio, in particolare dalla criminologa Roberta Bruzzone, per la quale “casi come questi ne abbiamo visti molti e sono finiti male”. Messe in risalto infatti la presunta aggressività dell’uomo, tramite dichiarazioni di alcune amiche della 42enne originaria del Ciad. “Abbiamo paura a mostrarci perché lui è violento” ha detto una di loro, intervistata dall’inviata Lucilla Masucci.

La stessa giornalista, collegandosi davanti alla Madonnina di Termoli, ha rivelato di aver parlato col tabaccaio della zona, quello dove il compagno della scomparsa avrebbe riferito di essere andato la mattina in cui di Victorine si sono perse le tracce, il 18 dicembre. “Apre solitamente fra le 5,30 e le 6 ma ha detto di non averlo visto. C’è una telecamera che inquadra il negozio ma le immagini vengono cancellate dopo 48 ore“.

Vicky vita in diretta

Sono stati forniti poi altri particolari di quella notte, sempre secondo la versione che il 55enne termolese avrebbe fornito. Infatti ‘La vita in diretta’ ha ricostruito la loro cena in un ristorante, i drink bevuti in seguito, la lite in casa. Poi l’uomo avrebbe chiamato il fratello per far calmare Vicky e sarebbe uscito in auto verso le 6, vedendo la stessa donna fare lo stesso. “L’ultima volta che l’ho vista è stata in corso Fratelli Brigida” la sua dichiarazione riferita. Dallo studio la criminologa Bruzzone ha precisato: “Sarebbe l’ultima volta che ha visto la macchina, non lei”.

Diffuso anche un video di un amico di Vicky, quel Luca che vive in Canada e aveva già parlato con Primonumero. Confermati i messaggi ricevuti quella notte e la paura che possa esserle successo qualcosa di irreparabile. Mentre la versione del compagno, sempre secondo quanto emerso in trasmissione, sarebbe un’altra. “Se n’è andata per punirmi“.