Trasporto pubblico, confronto sulle criticità: un tavolo tecnico per trovare soluzioni

Questa la decisione maturata al termine della riunione in Prefettura convocata da Maria Guia Federico e alla quale hanno partecipato il presidente Donato Toma e l'assessore Niro. Prossimo incontro a marzo.  

Dal mancato pagamento degli stipendi agli autisti ai contratti, dal bando per affidare il servizio al rinnovo degli autobus, inquinanti e fuori legge: questi i principali argomenti approfonditi nella riunione presieduta dal prefetto di Campobasso Maria Guia Federico, che oggi ha convocato rappresenti del Governo regionale, delle aziende e dei lavoratori.

Al centro del vertice le problematiche e le principali criticità del settore del trasporto pubblico regionale, più volte sottoposte all’attenzione della Prefettura e delle amministrazioni interessate. In Molise il servizio è quasi allo sfascio, scadente e pure pagato caro (la scorsa estate i biglietti sono aumentati del 40%) per una serie di nodi che non sono mai stati sciolti.

Nel corso della riunione, alla quale hanno partecipato il presidente della Regione Donato Toma, l’assessore regionale ai trasporti Vincenzo Niro, il vice prefetto vicario reggente della Prefettura di Isernia, i rappresentanti dei sindacati Faisa Cisal, Filt Cgil, Fit  Cisl, Uilt e Ugla. Presenti anche i datori di lavoro ANAV, CO.TR.A.M e C.S.M.M., nonché un rappresentante degli studenti molisani.

Il 2020 dovrebbe essere un anno decisivo per il trasporto pubblico regionale. Poco prima di Natale, dopo una seduta difficile per la maggioranza di centrodestra, il Consiglio regionale ha approvato la riforma con un’importante modifica: non più un unico gestore (come previsto nella legge approvata dalla Giunta regionale), ma due consorzi che si occuperanno del servizio.

Una novità che dovrebbe provocare un allungamento dei tempi e rende meno certo il futuro degli autisti, già penalizzati per via del ritardo con cui vengono erogati gli stipendi.

Per trovare una soluzione a questa e alle altre problematiche che interessano il settore sarà istituto un tavolo tecnico in Regione: questa la decisione maturata al termine della riunione in Prefettura.  

Nel contempo è stato concordato, su proposta del Prefetto, di aggiornare l’odierna riunione al 19 marzo per verificare congiuntamente lo stato di attuazione degli interventi pianificati.