Tavenna ricorda vittime del nazifascismo e di mafia

Più informazioni su

Si è svolto ieri pomeriggio 25 gennaio a Tavenna il convegno ‘Giornata della memoria. Dagli orrori di Auschwitz alla liberazione dal Nazifascismo’ nella sala mediateca del Comune.

Fra gli ospiti il professor Franco Novelli per l’associazione Libera Italia, il professore e storico Luigi Pizzuto, Michele Petraroia, presidente onorario dell’associazione Giuseppe Tedeschi e in rappresentanza dell’Arma dei carabinieri il tenente colonnello Fabio Ficuciello, il luogotenente Michele Tartaglia.

C’erano anche l’associazione nazionale carabinieri in pensione, il sindaco di Acquaviva Francesco Trolio e quello di San Felice Fausto Bellucci.

tavenna memoria

“Abbiamo ricordato l’eccidio di Tavenna del 13 ottobre 1943, nel quale persero la vita il carabiniere di Colletorto Simone Vincenzo e il civile di Tavenna Giuseppe Di Lena, fucilati dai tedeschi per vendicarsi del ferimento di un soldato tedesco in seguito alla colluttazione con un tavennese – ha detto il sindaco di Tavenna Paolo Cirulli -. Abbiamo ricordato le vittime della mafia e le vittime dei campi di concentramento e quindi trattando anche il tema della giornata della memoria del 27 gennaio.

Si è parlato del brutto gesto che è stato fatto una decina di giorni fa attaccando un foglio sulla lapide da parte di qualche folle scrivendo ‘chi ve l’ha fatto fare per questi quattro molisani cabrones’.

Noi come Amministrazione, in collaborazione con l’arma dei carabinieri, il comune di Colletorto e la Regione Molise ci stiamo impegnando per poter costruire un monumento che rafforzi ancora di più il ricordo dei nostri due eroi”.

Più informazioni su