Olivo sradicato, fontana e panchina divelte: auto come proiettile causa danni gravi vicino la cappella della Madonna

Da alcuni giorni il colpo d'occhio vicino l'edicola che ospita la statua di Maria è radicalmente mutato. Un albero antico rovesciato dal terreno, danni alla fontanella e alla panchina in pietra. Una pioggia di vetri e pezzi di plastica a terra. E’ il risultato di un incidente stradale sul quale anche i carabinieri stanno cercando riscontri. Anche per un eventuale risarcimento del danno.

Più informazioni su

Risale a diversi giorni fa l’incidente stradale che ha completamente stravolto il colpo d’occhio della edicola della Madonna del viandante, di nuova realizzazione, edificata a Guglionesi sulla Provinciale che collega il paese con la cittadina di Termoli, all’altezza del cimitero comunale.

Un albero di olivo, piuttosto antico, è stato completamente sradicato. La fontanella in ferro posizionata accanto alla cappella è stata divelta ed è ribaltata, mentre la panchina di marmo danneggiata gravemente.

Una pioggia di vetri sul terreno, segno inequivocabile che il parabrezza è andato in mille pezzi. Plastica della carrozzeria disseminata ovunque.

Edicola Madonna viandante danni

Così si presenta la scena dopo una settimana, visto che secondo diverse testimonianze raccolte l’incidente risalirebbe a sabato scorso. L’auto protagonista dell’episodio è una Fiat 600 grigia, andata completamente distrutta e rimasta per qualche tempo sul piazzale del cimitero. La vettura naturalmente non è riuscita a ripartire dopo l’impatto, molto brusco, e il suo conducente è tornato in paese a piedi.

Edicola Madonna viandante danni

E’ anche su di lui che si concentrano i controlli. Sull’incidente sono state avviate indagini che dovranno verificare, tra le altre cose, se il giovane avesse o meno la patente di guida e fosse in condizione di guidare.

Di sicuro, come si evince anche dai danni, l’auto andava a forte velocità. Quando ha sbandato ha centrato alberi e arredi in pieno, danneggiando l’area accanto alla cappella abbellita con fontana, panchina e aiuola per renderla più accogliente.

L’edicola della Madonna del Viandante è realizzata grazie alle offerte e col contributo di una famiglia del luogo. Lì è stata trasferita la statua che a lungo è rimasta nella chiesa di Sant’Antonio. Se il conducente della 600 è stato “graziato”, uscendo incredibilmente illeso dallo schianto, altrettanto non si può dire del giardinetto. Che apre a una domanda: ora chi paga i danni?

Più informazioni su