Mega antenna vicino al tratturo, il sindaco: “Mai stati favorevoli, problema strumentalizzato”

Roberto De Socio dopo la protesta dei giorni scorsi da parte dei residenti, scesi in campo contro l'antenna di 25 metri che dovrebbe essere installata a pochi metri dal tratturo, oggi ha chiarito: "Politicamente siamo e saremo sempre sfavorevoli"

Roberto De Socio, primo cittadino del comune di Oratino – in seguito alla protesta spontanea sorta nei giorni scorsi in contrada Cerro con i residenti inviperiti per l’inizio dei lavori relativi  all’installazione di un ripetitore di telefonia alto 25 metri al confine con il tratturo –  scende in campo per dire la sua.

Ribadisce forte e chiaro che l’indirizzo politico della maggioranza e dell’opposizione a Oratino è inequivocabile: tutti siamo contrari al ripetitore in quell’area.

Non c’è dunque alcuna posizione favorevole  espressa da parte dell’amministrazione comunale.  La procedura adottata “riguarda aspetti privati” e puramente specialistici che passano dall’ufficio tecnico del comune dove arriva la richiesta per l’acquisizione della Scia, quindi alla Commissione paesaggistica, alla Soprintendenza e all’Arpa.  Ottenuti questi pareri – che nel caso di Contra Cerro sono stati tutti favorevoli –  l’ufficio tecnico rilascia l’autorizzazione a procedere.

Non c’è un parere politico favorevole – questo il sindaco ha voluto precisarlo – ma si tratta di procedimenti normativi rispetto ai quali “il sindaco può solo manifestare con la sua amministrazione un indirizzo politico che ovviamente in questo caso è di contrarietà”.

proteste telefonia oratino

Al riguardo, mercoledì 22 gennaio, è stato convocato un consiglio comunale monotematico che si è chiuso con un documento approvato all’unanimità da maggioranza e opposizione che riporta per iscritto l’avversità politica rispetto all’impianto in questione.

“Ancor più che Oratino – ha spiegato il sindaco – è considerato uno dei borghi più belli d’Italia, rientra nel Contratto istituzionale di Sviluppo per il quale attendiamo 5 milioni di euro che prevedono anche la valorizzazione di contrada Cerro, saremmo proprio degli stupidi a immaginare che lì , a pochi metri dal tratturo venga installata un’antenna di 25 metri. Dunque al di là della strumentalizzazione politica che c’è stata, ribadisco che il sindaco e tutta l’amministrazione non hanno espresso pareri positivi rispetto a questa scelleratezza”.