Inaugurato a Casacalenda il ‘Giardino dei Giusti’: “10 alberi per 10 eroi”

La sindaca Sabrina Lallitto: “I ragazzi delle scuole ne hanno letto e raccontato le storie e il loro impegno per l’umanità. Un’iniziativa per ricordare le vittime della Shoah ma soprattutto per non dimenticare chi ha lottato contro la discriminazione e l’indifferenza”.

Inaugurato a Casacalenda il ‘Giardino dei Giusti’, progetto internazionale promosso per dare onore e lustro a persone che hanno combattuto e combattono per i diritti umani. In occasione del ‘Giorno della Memoria’, le scuole di Casacalenda – in collaborazione con l’amministrazione comunale – hanno tagliato il nastro del per un’iniziativa che ha coinvolto molti studenti.

 

Si tratta di un’area dove mettere a dimora, ogni anno, piante e alberi in ricordo dei Giusti: donne e uomini, persone dei nostri tempi, che hanno dedicato la vita alla difesa libertà, che hanno salvato vite e storie dai genocidi e dall’indifferenza, che hanno combattuto per i diritti umani.

 

Ricordati personaggi come Reinhold Christmas, che salvò 700 ebrei, Beatrice Rohner, che protesse tantissimi bambini ebrei, e ancora l’ex sindaco di Riace, Mimmo Lucano, don Pino Puglisi, Carola Rackete, Nelson Mandela, Vito Fiorino, Carlo Angela, Gino Bartali, Wangari Muta Maathai.

Giardino dei Giusti

“Sono stati ripiantati 10 alberi per 10 eroi – spiega la sindaca Sabrina Lallitto –. I ragazzi ne hanno letto e raccontato le storie e il loro impegno per l’umanità. Un’iniziativa per ricordare le vittime della Shoah ma soprattutto per non dimenticare chi ha lottato contro la discriminazione e l’indifferenza”.