I renziani molisani si organizzano: c’è Giusy Occhionero, aderiscono D’Ambrosio e Orlando

L'onorevole eletta nel 2018 con Liberi e Uguali ha rotto il silenzio dopo l'arresto del suo collaboratore per associazione mafiosa per annunciare la costituzione della nuova squadra. Scelti i coordinatori, hanno già aderito l'ex sindaco di Santa Croce di Magliano Donato D'Ambrosio e l'ex consigliere comunale di Termoli Mario Orlando.

Quattro mesi dopo il debutto sul palcoscenico della politica nazionale, il partito fondato da Matteo Renzi dopo il divorzio dal Pd, si struttura anche nella nostra regione. “Nasce Italia Viva Molise”, l’annuncio  Giusy Occhionero, la deputata di Campomarino eletta alle Politiche del 2018 con Liberi e Uguali (Leu) che ha ‘salutato’ dopo esser approdata nella compagine dei renziani che, stando ai primi sondaggi sulle intenzioni di voto degli italiani, viaggerebbero sul 5% dei consensi.

L’onorevole ha deciso di rompere il silenzio con questa novità politica, dopo essere stata travolta dal caso dell’arresto del suo collaboratore Antonello Nicosia per associazione mafiosa e dopo essere stata indagata dai pm di Palermo.

Italia Viva Molise ha fondato due coordinamenti territoriali che “da statuto – spiega la deputata – sono supportati da due coordinatori di genere diverso, per la provincia di Isernia Giulia di Silvestro e il sindaco di San Pietro Avellana Francesco Lombardi, mentre per la provincia di Campobasso Marinangela Bellomo e l’ex sindaco di Santa Croce di Magliano Donato D’Ambrosio”.

Ci sono inoltre diverse le adesioni della società civile e del mondo degli amministratori come il consigliere comunale di Filignano l’architetto Pier Luigi Pacitti e l’ex consigliere comunale di Termoli Mario Orlando da sempre vicino alle idee e alle posizioni politiche di Matteo Renzi. Una ‘truppa’ che potrebbe allargarsi: a Campobasso avrebbe intenzione di aderire al partito di Matteo Renzi il consigliere comunale Massimo Sabusco, un passato nell’Udc ed eletto l’anno scorso con il movimento ‘E’ Ora’, la lista di Donato Toma e Nicola Gesualdo. 

“Per l’onorevole Occhionero – si legge nella nota inviata alla stampa – è solo l’inizio per costruire un network politico aggregante, dinamico , propositivo, composto da un gruppo di persone che si confrontino con passione ed impegno per elaborare risposte efficaci”.

Dopo l’assemblea nazionale che si svolgerà a Roma il prossimo 1-2 febbraio, diversi saranno gli incontri in Molise con l’arrivo di alcuni esponenti nazionali di Italia Viva , per visitare, ascoltare le aziende produttive, le associazioni, gli amministratori , i nuovi comitati civici e tutte le persone che hanno voglia di mettersi in discussione. Insomma un partito aperto a tutte le persone che hanno idee e contenuti da mettere a disposizione.

“Costruiamo una nuova Casa: giovane, innovativa, femminista, dove si lancino idee per il Molise per l’Italia e l’Europa. Per una politica viva, fatta di passioni e di partecipazione. Questo spazio attende solo il nostro impegno”, la chiosa finale di Occhionero.