Finto pagamento Postepay, nella rete un campobassano che provava a vendere la macchina

Più informazioni su

Nuova truffa del finto pagamento PostePay scoperta dal compartimento polizia postale e delle comunicazioni del Molise, diretto dal Commissario Gabriele Di Giuseppe. La Polizia Postale ha infatti denunciato due persone per truffa in concorso e falsità ideologica dopo aver ricostruito nei dettagli una vicenda che ha visto come vittima un cittadino di Campobasso.

L’uomo aveva messo in vendita su un noto sito e-commerce la propria auto ed era stato contattato telefonicamente da una donna, la quale si era detta interessata all’acquisto.

Così ha convinto l’uomo di voler acquistare la macchina chiedendogli di poter effettuare il pagamento di un anticipo di circa mille euro, versandolo sulla sua Postepay e convincendolo che con quel mezzo di pagamento i soldi gli sarebbero arrivati subito.

La realtà è stata ben diversa. Il malcapitato venditore si è recato allo sportello delle Poste, con la promessa che gli sarebbe stato accreditato l’importo pattuito. La donna lo ha inoltre convito a inserire una sequenza numerica spacciata come codice di sicurezza dell’operazione, ma che in realtà corrispondeva alla carta Postepay del truffatore.

Solo dopo il cittadino campobassano ha capito di essere caduto nella rete della cosiddetta truffa del finto pagamento PostePay, un reato particolarmente diffuso negli ultimi tempi in Italia. A quel punto l’uomo ha quindi formalizzato la denuncia alla Polizia Postale e delle Comunicazioni.

Polpost nuove

Il personale del compartimento Polizia postale e delle comunicazioni di Campobasso, diretto dal Commissario Gabriele Di Giuseppe ha attivato le indagini ed è riuscito a individuare i due truffatori che, in accordo tra loro, avevano inscenato la truffa.

Uno di loro inoltre, per crearsi un alibi, aveva denunciato lo smarrimento della propria carta Postepay agli uffici di Polizia, tuttavia le incongruenze evidenziate hanno consentito di dimostrare anche la falsità ideologica in atto pubblico, motivo per cui il truffatore è stato denunciato anche per quest’altro reato.

Più informazioni su