Finisce sull’orlo di un dirupo per ‘colpa’ del navigatore: paura per un 20enne

Più informazioni su

Proveniva dall’Abruzzo ed era diretto per motivi di lavoro in un piccolo Comune dell’Alto Molise. Il giovane automobilista aveva impostato il navigatore per raggiungere in sicurezza la destinazione. Peccato che il viaggio si è trasformato in un incubo: ascoltando e seguendo le indicazioni stradali dell’apparecchio, il 20enne ha imboccato prima una strada interpoderale senza uscita ritrovandosi alla fine sul ciglio di un dirupo.

Per fortuna è riuscito a fermarsi in tempo. Il ragazzo ha vissuto momenti di forte apprensione per il rischio corso. Poi impaurito e non riuscendo a ritrovare la strada ha chiamato il 112 chiedendo aiuto ai Carabinieri.

Ricevuto l’allarme del ragazzo, i militari si sono subito attivati nelle ricerche, riuscendo, seppure con difficoltà, a localizzarlo.  Comprensibilmente spaventato il giovane è stato soccorso dagli uomini in divisa ed il suo veicolo trainato verso un punto sicuro.

Una brutta esperienza per il ventenne che, grazie al tempestivo intervento dei Carabinieri, non ha avuto più gravi conseguenze.

“L’ uso di apparecchi tecnologici ed iperconnessi, si sa, ci facilita la vita rendendo più immediati tanti dei nostri gesti quotidiani”, il consiglio dei militari dell’Arma. “Così, l’uso del navigatore satellitare ci ha permesso di abbandonare le vecchie mappe cartacee da consultare prima di partire o di evitare di affidarci totalmente alla memoria ed ai segnali stradali. Talvolta però anche queste tecnologie commettono errori”.

Più informazioni su