Cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre: “Accolta nella comunità di Guglionesi”

Più informazioni su

Lunedì prossimo 27 gennaio il Consiglio comunale di Guglionesi voterà per conferire la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre. L’Amministrazione comunale intende “testimoniare l’apprezzamento per l’opera e l’attività svolta dalla Signora Liliana Segre, matricola 75190 ad Auschwitz, assegnandole l’onorificenza della Cittadinanza onoraria nel Comune di Guglionesi.

I motivi di questo riconoscimento – spiega il sindaco Mario Bellotti – sono tutti nei fatti della storia, della nostra storia, dal “Binario 21” della stazione centrale di Milano, dove partivano i treni per i campi di concentramento, ai giorni nostri.
Liliana Segre, in quanto ebrea, rimase vittima delle leggi razziali fasciste all’età di solo 8 anni, infatti, nel settembre del 1938 fu costretta ad abbandonare la scuola per trascorrere con alcuni familiari un lungo periodo in fuga dalle persecuzioni. Il 30 gennaio 1944 venne deportata dal “Binario 21” al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz e il 6 febbraio internata nella sezione femminile, il padre morì ad aprile dello stesso anno mentre i nonni paterni, deportati ad Auschwitz, furono uccisi poco dopo il loro arrivo.

Durante la sua permanenza nel campo di concentramento fu impegnata nei lavori forzati e venne liberata il 1° maggio 1945. Liliana Segre è una dei 25 sopravvissuti dei 776 bambini italiani, di età inferiore ai 14 anni, che furono deportati nel campo di concentramento di Auschwitz.
Nel 1990, dopo 45 anni di silenzio sulla sua storia personale, la Segre decise di partecipare ad alcuni incontri con gli studenti delle scuole, portando la sua testimonianza di ex deportata, fino ad essere nominata Senatrice a vita, nel gennaio 2018, dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

A livello nazionale si sono intraprese diverse manifestazioni e tra le più importanti vi è certamente quella svoltasi nel mese di dicembre a Milano, dove, in solidarietà con la Senatrice costretta a vivere sotto scorta, tantissimi sindaci hanno fatto loro da scorta alla Segre, manifestando contro l’odio e il razzismo; iniziativa che è partita a seguito degli insulti e delle minacce subite dalla senatrice dopo la sua proposta in Parlamento per l’istituzione di una Commissione monocamerale in tema di incitamento all’odio, per il controllo sui fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza.

La giornata della Memoria abbiamo voluto celebrarla in questo modo, ricordando all’opinione pubblica che la solidarietà e il sostegno nei confronti delle vittime dell’antisemitismo, la lotta contro il razzismo e la xenofobia devono essere la guida di ogni politica dei diritti umani, perché la tolleranza e il rispetto per la dignità altrui costituisca le fondamenta di ogni società davvero democratica e pluralista.
Mi piace riportare una citazione della Segre, che vale come monito, sia per noi amministratori, che per noi cittadini: “Ho la paura della perdita della democrazia, perché io so cos’è la non democrazia. La democrazia si perde pian piano, nell’indifferenza generale, perché fa comodo non schierarsi e c’è chi grida più forte e tutti dicono: ci pensa lui”.
La volontà dell’amministrazione comunale di Guglionesi, preceduta da moltissime altre amministrazioni in tutta Italia, è di contribuire a queste azioni attraverso il conferimento alla Senatrice Liliana Segre della cittadinanza onoraria, che pur essendo un atto formale e altamente simbolico, la accoglie di fatto nella nostra comunità di Guglionesi”.

Da qui la scelta di portare il tema in consiglio comunale. “Si è pertanto deciso come gruppo di maggioranza, anche con il sostegno dell’Arci Francesco Iovine di Guglionesi, di conferire la cittadinanza onoraria a Liliana Segre per l’alto valore civile, sociale e culturale della sua testimonianza e del suo impegno, portato avanti con grazia e serena tranquillità.
Considerato l’impossibilità dell’onorevole Liliana Segre di ritirare personalmente la Civica Onorificenza, si provvederà al formale invio della presente delibera di conferimento, della pergamena e di un dono artigianale”.

L’appuntamento è per lunedì 27 gennaio, ricorrenza della “Giorno della Memoria”, alle ore 11 in sala consiliare. La cittadinanza è invitata a partecipare e a condividere l’evento civico e istituzionale.

Più informazioni su