Casacalenda senz’acqua, l’acquedotto si rompe due volte e si rischia l’emergenza sanitaria

Il Comune è secco da quasi 24 ore a causa dei problemi riscontrati da Molise Acque nel tratto dell’acquedotto Molisano Destro Colle Impiso-Femmina Morta. Stamattina, 20 gennaio, è stata individuata una seconda rottura dopo quella del 18 gennaio. La sindaca Sabrina Lallitto: “Il problema è in via di risoluzione: Molise Acque mi ha appena avvertito, l’acqua torna entro le 13”.

“Il problema è in via di risoluzione: Molise Acque mi ha appena chiamato per annunciarmi di aver individuato la rottura”. La sindaca di Casacalenda, Sabrina Lallitto, tranquillizza la cittadinanza che da circa 24 ore è praticamente senza acqua a causa di un disservizio relativo alla condotta dell’ex Erim, ora Molise Acque.

In pratica, come spiega la stessa prima cittadina, “a causa di questo problema al nostro Comune arrivava un quinto dell’acqua di cui di solito disponiamo”. Scorte finite ieri sera: Lallitto è stata costretta a prendere decisioni drastiche chiudendo le scuole nella giornata di oggi, 20 gennaio: “Onde evitare problemi di igiene e sanità pubblica, ho deciso di chiudere gli istituti scolastici che non dispongono dell’autoclave”.

Una decisione presa per evitare di aggravare i disagi che sono stati molteplici per la popolazione locale. 

Del resto l’istituto comprensivo di ha una popolazione scolastica di circa 500 persone: molti, tra studenti e insegnanti, non sono del posto ma provengono da centri limitrofi.

I cittadini si sono dovuti armare di pazienza in queste ore, da quando il flusso è stato drasticamente ridotto fino alla completa interruzione. Come spiegava nelle scorse ore la sindaca, “le nostre riserve non sono riuscite a sopperire alle esigenze della comunità”.

Salvo imprevisti, la situazione dovrebbe normalizzarsi nel giro di poco tempo: “L’acqua tornerà entro le 13” aggiunge la sindaca che poi deciderà pure sulla riapertura delle scuole per la giornata di domani (21 gennaio). 

 

Entrando nei dettagli, tutto è cominciato il 18 gennaio quando era arrivata ai sindaci della zona (Provvidenti, Casacalenda, Bonefro, Santa Croce di Magliano, San Giuliano di Puglia, Colletorto, Montorio nei Frentani, Larino, Montelongo, Rotello) la comunicazione da parte dell’ente che annunciava la sospensione del flusso idrico “a causa dei lavori di riparazione della condotta idrica dell’Acquedotto Molise Destro nel tratto serbatoio Colle Impiso-Femmina Morta”.

Si preannunciava la riparazione entro qualche ora, ma il problema si è protratto per un altro giorno e mezzo. Il perché è presto detto: si è verificata un’altra rottura che proprio questa mattina, 20 gennaio, è stata individuata e i lavori sono tuttora in corso.    

Non è la prima volta che in Molise si verificano problemi del genere alle condotte idriche, purtroppo obsolete e usurate: frequenti gli episodi in basso Molise, mentre lo scorso settembre Campobasso e altri comuni dell’hinterland sono rimasti a secco dopo l’esplosione di una conduttura dell’acqua.

FdS