Campobasso champagne, Tolentino travolto. Candellori-show: doppietta

Nel primo tempo il centrocampista ex Notaresco è il protagonista assoluto: vantaggio di sinistro nell'angoletto, raddoppio con una botta di destro su sublime assist confezionato da Alessandro. Ripresa da urlo: prima Bontà realizza il terzo su assist di Cogliati, poi Alessandro serve a Zammarchi la palla del poker. Il resto è pura accademia, il pubblico applaude convinto.

Calcio di alto livello per larghi tratti, vittoria larga e mai stata in discussione, condizione psico-fisica ottimale. Il Campobasso di Mirko Cudini continua la sua cavalcata: dodicesimo risultato utile di fila, con nove vittorie e tre pareggi da Agnone in poi. Ne fa le spese pure il Tolentino, travolto con quattro reti, tutte di ottima fattura. Il Notaresco però si rialza subito a Jesi e il distacco resta di 11 punti.

FORMAZIONE ANNUNCIATA. Sanseverino al debutto, in sostituzione dello squalificato Brenci. Confermato a destra Martino: Fabriani è in recupero e siede in panchina. La partita è subito viva. Neanche cinque minuti e Alessandro si ritrova il pallone sul destro, sembra fuorigioco ma l’assistente non segnala, peccato che l’attaccante calci addosso al portiere in piena area piccola. Lo stesso numero 10 effettua un tiro-cross pericolosissimo sul quale nessuno è pronto ad avventarsi. Occhio però a un Tolentino caparbio e organizzato.

 

GHIACCIO ROTTO. I rossoblù attaccano a sprazzi. Ci prova Zammarchi, l’under che da qualche settimana fa la differenza: saltato un uomo in velocità, si perde sul tiro, alto. Intanto, il pubblico si scalda contro il centrocampista ospite Ruci, autore di un gestaccio verso la tribuna. Poco importa perché al 19’ viene impacchettato il vantaggio: Bontà addomestica palla, serve Candellori che di prima s’inventa un sinistro velenoso che si insacca all’angoletto. Un paio di minuti dopo però si rischia: Raccichini a vuoto su un cross tagliato, poi Menna si oppone a Minnozzi.

 

CANDELLORI-DAY. Match acceso, dall’altra parte Cogliati fa il fenomeno, ne supera due e viene contrato, pare fallosamente, in area: l’arbitro lo invita a rialzarsi. Ma l’azione più bella della partita, e forse della stagione, arriva al 32’: Alessandro è un artista spalle alla porta, esterno-velo vellutato a seguire per Candellori che dal limite spara un destro secco che fulmina ancora Rossi. Calcio allo stato puro. Come poco dopo, quando Alessandro scocca una conclusione alla Del Piero, il portiere devia in angolo.

RIPRESA: SI DILAGA. I ritmi si abbassano inevitabilmente, sono i marchigiani ora a provare a fare la partita con i Lupi che ripartono in contropiede. Proprio in un’occasione di queste Alessandro disegna un filtrante per Cogliati che è generoso e serve Bontà appostato sul dischetto per insaccare il tris. Non è finita qua: tre minuti dopo, minuto 58′, Alessandro pesca Zammarchi con un gioco di prestigio e anche il ragazzo ex Cesena infila il poker. E’ uno spettacolo.

 

CAMPOBASSO            4

TOLENTINO                0

 

CAMPOBASSO: Raccichini 6, Martino 6.5, Vanzan 6 (70′ La Barba 6), Sanseverino 6 (82′ Giampaolo s.v.), Menna 6.5, Dalmazzi 7, Bontà 6.5 (70′ Tenkorang 6), Candellori 8, Cogliati 7 (84′ Musetti), Alessandro 7 (91′ Barbetta), Zammarchi 7.5. A disposizione: Natale, Sbardella, Fabriani.

ALL.: Cudini 7

TOLENTINO: Rossi, Viola, Ruggeri, Bonacchi, Cicconetti, Labriola, Mastromonaco (65′ Laborie), Ruci (62′ Strano), Di Domenicantonio (61′ Padovani), Minnozzi (77′ Olivieri), Pagliari (69′ Severoni). A disposizione: Bucosse, Cerolini, Marcantoni, Tirabassi.

ALL.: Mosconi

ARBITRO: Vergaro di Bari

Assistenti: Masciale di Molfetta e Parisi di Bari.

MARCATORI: 19’ e 32’ Candellori, 55′ Bontà, 58′ Zammarchi.

Note: ammoniti Martino, Vanzan (C), Bonacchi, Ruggeri (T). Presenti circa 800 spettatori di cui sette da Tolentino.

Foto Maurizio Silla