60 conigli vivi nella cella frigorifera dell’autocarro, 60enne multato

Gli animali provenivano da un’azienda agricola del beneventano ed erano destinati ad una ditta molisana. Beccati anche due giovani che guidavano ubriachi

L’autotrasportatore è stato sorpreso durante un controllo dei Carabinieri: all’interno della cella frigorifera del mezzo pesante stava trasportando 60 conigli vivi di taglia gigante. Gli animali si trovavano in condizioni di “assoluta inadeguatezza”, riferiscono i militari che hanno svolto gli accertamenti del caso e sanzionato l’uomo, un 60enne della provincia di Isernia. 

I conigli provenivano da un’azienda agricola del beneventano ed erano destinati ad una ditta molisana. L’autotrasportatore è stato dunque multato e e segnalato ai competenti uffici dell’Azienda Sanitaria Regionale Molise di Isernia.

Inoltre, durante i controlli svolti nell’ultimo fine settimana, i militari della Sezione Radiomobile del Nucleo Operativo Radiomobile hanno denunciato un giovane residente in un piccolo centro della provincia, sorpreso a guidare la vettura di proprietà di un familiare nelle prime ore di domenica mattina. Il ragazzo aveva alzato troppo il gomito: aveva un tasso alcolemico ben quattro volte superiore al limite previsto dalla legge. La patente gli è stata ritirata, mentre la vettura è stata affidata affidata al proprietario.

Un altro automobilista è stato ‘beccato’ a Cantalupo del Sannio: guidava la macchina nonostante gli fosse stata ritirata e sospesa la patente. Inoltre, aveva alzato il ‘gomito’. I militari lo hanno sanzionato: dovrà pagare una multa che va da un minimo di 2.050 euro ad un massimo di 8.202 euro. La vettura, risultata di proprietà di un familiare, invece è stata sottoposta a fermo amministrativo.