Quantcast

Vi presento Mr. Lo Sport Blogger: “Non voglio far ridere, ma raccontarvi lo skifo e il bello del calcio”

Ci piace raccontare le persone, soprattutto se non sono né ricche né famose. Ci piace “scoprire” il lato meno scontato della gente, perché crediamo che tutti abbiano una bella storia dentro: la loro. Con lo youtuber aspirante cronista sportivo Lorenzo Cristian Valeriani iniziamo questa rubrica che parla di noi: la gente di questo posto. Tra gioie, dolori, speranze, desideri e sì, anche sorrisi (e risate, talvolta). 35 anni, appassionato di calcio, i suoi commenti “incazzati” sono un piccolo caso social. Ma questo ragazzo termolese ha molto da dire sullo sport. Cominciando dal fallimento del Termoli calcio….

Aspettate a dire “E questo adesso chi è?” E andateci piano con quel ghigno: il suo obiettivo non è far ridere, ma informare la gente di quello che ogni domenica succede sul campo da gioco. E lo fa, eccome se lo fa. A modo suo, certo. Un modo unico, ma efficace e coerente con la comunicazione ai tempi dei social: video-commenti su Youtube.

Lorenzo Cristian Valeriani

Si è aperto il suo canale e quando terminano le partite di pallone accende lo schermo e si riprende mentre spiega cosa è successo, perché, le dinamiche societarie, i collegamenti, l’andamento dei calciatori, i punti di forza e di debolezza. Senza risparmiare le critiche, ogni tanto lanciando dentro quello “schiiiiifo”, o “skifo” che, suo malgrado forse, è diventata la sua cifra distintiva.

Perché il calcio è una cosa seria, come sa bene chi oltre a guardalo in tv lo pratica da sempre. E gli errori mica si possono perdonare come se fossero i capricci di un bambino. Infatti le critiche – precisa lui – “sono altra cosa dagli insulti: io non insulto mai i giocatori, sono un giocatore anche io”.

Squadra del cuore: Milan. Passione: 10. Veemenza: 10. Obiettività: 10 pure quella. Lorenzo Cristian Valeriani ha 35 anni, è termolese, laureato in Archeologia dei Beni Culturali a Scienze del Turismo, candidato alle elezioni comunali di Termoli nel 2014 (Marone candidato sindaco) e nel 2019 (Roberti sindaco, quest’ultimo vincitore). Mai eletto. Non ancora, perlomeno.

Tempo per riprovare la carriera politica ce l’ha. Nel frattempo Cristian (lo chiameremo così per brevità) segue con anima e corpo le vicende sportive, dal calcio di serie A a quello locale (gioca come portiere col Petacciato) alla Moto Gp. Lo segue, lo pratica e infine lo racconta, coltivando il sogno di diventare uno youtuber famoso o un giornalista sportivo. “Mi piacerebbe fare il commentatore in tv” rivela in questa videointervista senza filtri, spontanea, nella quale trova l’occasione anche per indicare i “peccati” capitali del Termoli calcio e le relative soluzioni “secondo me”.

Dai campetti di periferia calciando un pallone da bambino alla sfida della cronaca sui nuovi mezzi di comunicazione. Mettendoci la faccia, in tutti i sensi. E il pubblico? Se crescerà bene, se non succederà… pazienza. L’importante, in fondo, è divertirsi facendo qualcosa che ci faccia stare bene. Non dovrebbe essere la regola base dello sport “vero”?