Sparò contro il bar Europa per minacciare l’ex, in carcere pasticciere geloso

I fatti a maggio scorso ma la polizia nel giro di poche ore scoprì l'autore di quel colpo di pistola e il movente. Dopo un patteggiamento di pena a due anni e 4 mesi di reclusione, oggi il 55enne è stato trasferito in cella dai carabinieri della stazione

Poco dopo le 14 è stato portato in carcere, la condanna a carico del pasticciere di via Nobile giunta dopo un patteggiamento, a due anni e quattro mesi di reclusione, è diventata esecutiva. E ad anno dai fatti che la notte del 22 maggio scorso spaventarono i residenti di via Colle delle Api, si chiude un’altra indagine della squadra mobile del capoluogo.

A cavallo di quella notte, infatti, i residenti svegliati da un colpo di pistola indirizzato verso la vetrina del Bar Europa, chiamarono il 113. E all’alba gli agenti della Mobile e quelli della scientifica erano già al lavoro per capire cosa era accaduto in quelle ore.

Ci hanno messo poco gli uomini di Iasi, il giorno dopo avevano già il colpevole e il movente.

Lui, 55 anni, campano, è il titolare di una nota pasticceria del capoluogo e aveva sparato contro la vetrina per lanciare un segnale di avvertimento alla ex compagna che nel frattempo lavorava alla dipendenze del bar di via Colle delle Api.

Un gesto dettato dalla gelosia e dal fatto che non accettava la fine della relazione.

Quindi il patteggiamento e la condanna che oggi lo ha trasferito nel carcere di via Cavour – dove l’hanno portato i carabinieri – per i reati di  atti persecutori, violenza privata, danneggiamento, porto abusivo di armi, accensioni ed esplosioni pericolose, trattamento illecito di dati.

I carabinieri hanno eseguito anche un secondo arresto, un altro campobassano è finito in cella, in esecuzione ad un’ordinanza cautelare emessa dalla procura per il reato di estorsione.