Più bidoni nella zona della movida, ma resta la sporcizia: una distesa di bicchieri e bottiglie

Se ne è discusso tanto in consiglio comunale nel corso dell’ultima seduta. L’amministrazione ha voluto dare subito un segnale: sabato sera sono stati piazzati in via Ferrari quattro nuovi bidoni per la raccolta della plastica. Obiettivo preciso: cercare di limitare l’odioso fenomeno del ‘tappeto’ di bicchieri e bottiglie del sabato e della domenica mattina. Ma i risultati non sono stati, purtroppo, incoraggianti come invece si accennava da qualche parte sui social. In effetti, la situazione è leggermente migliorata ma alle cinque del mattino, quando il mezzo della Sea è intervenuto per la pulizia c’erano a terra centinaia di bicchieri, soprattutto nello slargo.

 

A confermarlo è lo stesso assessore all’ambiente, Simone Cretella, che proprio sabato scorso è andato a trovare gli esercenti per invitarli a una maggiore attenzione generale: “Abbiamo deciso di fare un esperimento semplice e banale, ovvero piazzare quattro nuovi bidoni lungo via Ferrari. Diciamo che qualcosina di meglio c’è stata, con la parte bassa che non era così sporca come lo è di solito. Ma in quella alta, all’altezza dello slargo, tutto è rimasto uguale. I bidoni sono stati utilizzati poco, purtroppo non è incoraggiante per niente che i ragazzi alle tre di notte non hanno neanche la lucidità, e la cultura, di fare quattro metri per buttare il bicchiere nella spazzatura invece di lasciarlo a terra”.

 

Esperimento fallito? Non proprio, ma l’inciviltà continua a vincere sulle buone pratiche. D’altronde, “i bidoni erano semi-vuoti, l’incremento è stato lieve – continua Cretella – anche se dobbiamo dire che nella zona verso via Mazzini è andata meglio. Ho visto anche alcune foto circolate in rete di una situazione che sembrava idilliaca. In realtà, al passaggio della spazzatrice intorno alle cinque c’erano i soliti tantissimi bicchieri gettati a terra. Questo è allarmante, vuol dire che si deve lavorare tanto sulla cultura dei ragazzi”.

 

Iniziative per il futuro? “Nell’immediato no, ma sicuramente abbiamo in mente di puntare forte sulla parte regolamentare. Inviteremo tutti gli esercenti ad adottare il cosiddetto vuoto a rendere con cauzione con bicchieri in policarbonato. Speriamo di fare tutti insieme questo passo in avanti per avere riscontri sia in termini di decoro che di produzione dei rifiuti”.     FdS