Rattoppi sulla Provinciale massacrata. Ma per l’asfalto nuovo bisogna attendere il 2020

Più informazioni su

Camion e mezzi della Provincia in azione da questa mattina lungo la Provinciale 126, che collega il centro abitato di Guglionesi a Ponte Biferno. La strada, che per tutti i residenti del posto è conosciuta come l’arteria che porta al “bivio di Cipolletti”, è tra le più malmesse del territorio. Buche che in alcuni casi si sono trasformate in piccole voragini, ferite e squarci sul manto di bitume, dislivelli sull’asfalto di parecchi centimetri.

Così per decine di chilometri, da via Bari e dall’ingresso delle case Fiat, nella prima periferia del paese, fino all’innesto con la Bifernina. Diverse sono state le segnalazioni di automobilisti che proprio su quel tratto di Provinciale hanno rotto, loro malgrado, qualche componente meccanica delle autovetture costrette a sobbalzi improvvisi. E sono fioccate, nei mesi scorsi, anche le denunce nei confronti dell’ente Provinciale “responsabile” della mancanza di manutenzione.

Ora si corre ai ripari, almeno con un intervento tampone e nell’attesa che il nuovo asfalto, che dovrebbe riguardare l’intero tratto dal paese alla Statale 647, venga realizzato come promesso nei mesi scorsi entro la primavera del 2020.

provinciale sp 121

L’intervento avviato questa mattina, che non è sfuggito a tanti residenti e automobilisti, riguarda difatti proprio la manutenzione da parte della Provincia. Si tratta di lavori finanziati con circa 50mila euro appaltati mesi fa che dovrebbero durare pochi giorni, il tempo necessario a riempire di cemento fresco qualche buca e stendere “rattoppi” laddove le condizioni del manto stradale sono particolarmente critiche.

Chi si è illuso che la presenza dei camion e dell’impianto semaforico mobile indichi il rifacimento di tutta la Sp126 resterà deluso: per l’asfalto nuovo bisogna aspettare. Se tutto va bene se ne parlerà nella primavera 2010, quando con un finanziamento già previsto in bilancio di oltre 250 mila euro anche la Provinciale che collega Guglionesi a San Giacomo e Termoli e quella che unisce il centro abitato alla Fondovalle Sinarca dovrebbero poter beneficiare di un intervento strutturale che restituisca la dignità di strade a chilometri di asfalto sconquassato.

Più informazioni su