Rapinatori incappucciati e armati alle Poste, bottino sotto i mille euro

Il colpo appena dopo l'orario di apertura. Due sono entrati a volto coperto e armati mentre un terzo complice li attendeva fuori su un'auto scura. Scattato il dispositivo antirapina delle forze dell'ordine sulle strade in uscita dal Molise

Due uomini incappucciati e armati di pistola hanno rapinato questa mattina l’ufficio postale di Portocannone mentre un terzo complice li attendeva all’esterno in auto. Hanno fatto irruzione alle Poste del paese attorno alle 8 e 20, poco dopo l’orario di apertura e quando dentro c’era soltanto il direttore.

L’uomo, secondo le prime ricostruzione, è stato minacciato con le armi da due persone di corporatura robusta che si sono fatti consegnare i soldi, alcune centinaia di euro in base alla prime informazioni raccolte, prima di fuggire a tutta velocità a bordo di un’auto di colore scuro. Una residente ha dichiarato che si tratta, presumibilmente, di una Bmw nera con “qualcosa di rosso”. Secondo la ricostruzione dei carabinieri sarebbe invece una Bmw grigio scuro.

Sarebbe la stessa vettura avvistata in paese alcuni giorni fa quando si sono registrati alcuni furti in casa, secondo una modalità abbastanza frequente per la quale lo stesso sindaco Caporicci aveva chiesto l’intervento del tavolo straordinario della Prefettura, lamentando il fatto che Portocannone non dispone di una caserma carabinieri né può contare su Vigili Urbani.

Circa 40 minuti dopo il colpo di stamattina sul posto sono giunti i carabinieri della stazione di Campomarino che dista pochi chilometri da Portocannone, ed è scattato il dispositivo antirapina che prevede pattuglie delle forze dell’ordine sia in entrata che in uscita dal Molise e quindi sono state presidiate le maggiori arterie viarie di collegamento. La prima ipotesi è chiaramente che si possa trattare di malviventi arrivati dalla vicina Puglia, ma non si esclude che ci possono essere complici del posto, in particolare il cosiddetto palo per una rapina realizzata in pochi minuti e con apparente facilità.

Poste portocannone

In paese intanto cresce la preoccupazione per via dei colpi messi a segno anche di recente e che testimoniano la mancanza di sicurezza più volte denunciata anche dal primo cittadino Giuseppe Caporicci.

Abbastanza esiguo il bottino. I rapinatori avrebbero portato via una somma vicino agli 800 euro.