Pochi fondi e spopolamento, Toro organizza un concorso per le luminarie di Natale fotogallery

Più informazioni su

In un periodo storico difficile per i piccoli centri molisani, che devono combattere contro lo spopolamento e la carenza di risorse, c’è chi si ingegna anche per le luminarie di Natale. Accade a Toro, paese a pochi chilometri da Campobasso dove i residenti si sono rimboccati le maniche e si sono messi all’opera per abbellire balconi, finestre e porte d’ingresso delle attività commerciali.

“Thomas Edison sosteneva che il valore di un’idea sta nel metterla in pratica e a volte basta poco per sprigionare la magia del Natale anche in piccoli borghi sempre più alle prese con problemi di spopolamento”, spiegano gli organizzatori dell’iniziativa.

Ha preso così il via il progetto “Illumina Toro”. 

“Il Comune di Toro ha patrocinato un’iniziativa organizzata dalla Pro Loco di Toro e dall’Associazione Socio-Culturale Comitato San Mercurio, raccogliendo il “brevetto” di una cittadina del posto specializzata nell’organizzazione  di eventi, che ha deciso di mettere la sua esperienza a disposizione del suo paese. L’intento – si legge in una nota – è stato quello di invogliare i cittadini ad abbellire le strade di Toro durante le festività natalizie, riproponendosi di promuovere ulteriori iniziative durante il restante periodo dell’anno, in modo che tutta la popolazione sia stimolata alla cultura del bello e alla cura dei propri luoghi”.

Ieri (domenica 8 dicembre) come da tradizione, l’accensione delle decorazioni hanno portato vitalità in tutto il paese, hanno indotto i cittadini ad uscire dalle proprie abitazioni ed incamminarsi per le vie, dal centro storico al corso principale, alla scoperta delle decorazioni ideate e inventate in ogni strada dai residenti.

I lavori saranno valutati da una giuria esterna che decreterà, alla fine, una classica. Il vincitore sarà premiato con 150 euro in buoni spesa.

Un progetto sperimentale che ha tutte le caratteristiche, dal prossimo anno, per estendersi in altri centri fino a coinvolgere l’intero Molise.

Più informazioni su