Muore nei boschi altomolisani per un malore il presidente Ambito Caccia di Termoli

Un malore improvviso, probabilmente un infarto. Se ne è andato così, di colpo, Bruno Arielli, 61 anni, appassionato di caccia, di natura e padre di tre figli. L’episodio si è verificato questa mattina durante una battuta per cercare tartufi nei boschi dell’Alto Molise. L’uomo, che è presidente dell’Ambito territoriale di Caccia di Termoli, era in compagnia di un amico quando si è sentito male.

Inutili i soccorsi: non c’è stato nulla da fare per strapparlo alla morte. Sul posto le autorità chiamate a ricostruire la dinamica, che hanno allertato la magistratura come da protocollo in questi casi. Dopo il nulla osta del magistrato le operazioni di trasferimento della salma, avvenute diverse ore dopo l’accaduto. Escluse ipotesi di decesso legate ad altre cause, anche se l’episodio è al vaglio degli inquirenti.

La scomparsa di Bruno Arielli, residenti a San Giacomo degli Schiavoni, ha gettato la famiglia e i tanti amici e compagni di battute di caccia, a lui affezionati, nel dolore più profondo.

Più informazioni su