Lo scientifico Francesco D’Ovidio tra i cinquanta ammessi alla seconda fase di ‘Mad for Science’

C’è anche il Liceo Scientifico ‘Francesco D’Ovidio’ di Larino tra i 50 istituti italiani ammessi alla seconda fase del concorso ‘Mad for Science’ (pazzi per la scienza ndr), unico in Molise, su un totale di 167 licei che hanno inviato la candidatura. L’iniziativa, promossa da DiaSorin tra tutti i Licei Scientifici italiani, quest’anno appronta un tema di importanza globale ed invita gli studenti ad ideare una serie di esperienze didattiche di laboratorio coerenti con gli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile (SDG) dell’Agenda 2030 promossa dall’ONU e progettarne l’implementazione nel laboratorio scientifico della scuola.

I temi selezionati in questa edizione di Mad for Science dal titolo “Mens sana in corpore sano” sono quelli inerenti al tema della fame nel mondo (SDG 2), a quello della salute e del benessere (SDG 3) e alla gestione sostenibile dell’acqua e dei servizi igienico-sanitari (SDG 6).

A sfidarsi sono le squadre ognuna composta da cinque studenti ed un professore provenienti da diverse regioni italiane: 7 provengono dalla Campania, 6 dalla Lombardia, 4 da Emilia Romagna e Liguria, 3 da Calabria, Lazio, Piemonte, Puglia, Sicilia e Veneto, 2 da Abruzzo, Toscana, Trentino Alto Adige e Umbria, e infine, 1 da Basilicata, Marche e Molise. Gli studenti avranno tempo fino al 3 aprile 2020 per elaborare le proposta progettuale contenente 5 nuove esperienze didattiche di laboratorio e il dettaglio del progetto di implementazione e aggiornamento del laboratorio della scuola già esistente.

Entro il 24 aprile 2020 un Comitato appositamente costituito da DiaSorin selezionerà, a proprio insindacabile giudizio, le 8 proposte progettuali più interessanti. Gli 8 team finalisti presenteranno i loro progetti in occasione della Mad for Science Challenge 2020, che avrà luogo a Torino di fronte a una giuria composta da professionisti della comunicazione ed esponenti della comunità scientifica, che eleggerà i vincitori.

I primi due licei classificati verranno premiati con l’implementazione del biolaboratorio (per un valore massimo rispettivamente di 50mila e 25mila euro) e la fornitura dei relativi materiali di consumo (fino a un massimo rispettivamente di 5mila e 2mila 500 euro all’anno per 5 anni a partire dall’anno 2020). A questi si aggiungerà il premio Ambiente al team che, tra gli 8 finalisti, si dimostrerà capace di integrare il concetto di eco sostenibilità e tutela dell’ambiente all’interno di una o più esperienze laboratoriali e dimostrerà il miglior approccio scientifico rivolto all’educazione ambientale. Il premio consiste nell’assegnazione di 10mila euro per l’acquisto di materiale vario da laboratorio e sarà consegnato da una giuria composta da persone di spicco del mondo della ricerca, della scienza e dell’università.

DiaSorin, per favorire un utilizzo ottimizzato degli strumenti messi a disposizione dei laboratori, ha inoltre deciso di offrire ai docenti vincitori (anche delle prime tre edizioni di Mad for Science) l’esclusiva opportunità di partecipare del tutto gratuitamente, insieme ad altri docenti di Scienze del proprio istituto, al corso di formazione organizzato da DiaSorin in collaborazione con IFOM nell’ambito del programma YouScientist.

Il primo corso si terrà il 6 e 7 febbraio 2020 presso la sede di IFOM a Milano. Il programma, articolato in due incontri formativi in aula, prevede attività di laboratorio di microbiologia e biologia molecolare con ampio spazio dedicato al tema della sicurezza del laboratorio stesso. Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione. Per ulteriori informazioni sul concorso, si rimanda al sito