La beffa di Campitello: è tra le migliori località per sciare ma le piste rischiano di restare chiuse

Più informazioni su

Per Home to Go, uno dei principali motori di ricerca di case e appartamenti vacanza, è una delle migliori località italiane per sciare: peccato che quest’anno i lavori di manutenzione alle seggiovie rischiano di mandare in fumo la stagione invernale di Campitello Matese, dove gli operatori sono già in allarme.

Nella speciale classifica stilata dal portale sulle destinazioni sciistiche più gettonate dagli italiani per la stagione 2019-2020, “il Molise, nonostante le piccole dimensioni, piazza una sua località nella graduatoria: si tratta di Campitello Matese”. Invece sul podio troviamo Livigno, che è prima in classifica davanti a Madonna di Campiglio con Roccaraso-Rivisondoli al terzo posto.

Il danno e la beffa insomma per la località montana che fa parte del Comune di San Massimo. A Campitello Matese la stagione è fortemente a rischio e, se non dovesse partire a causa dei lavori di manutenzione delle seggiovie da poco assegnati dalla Regione Molise alla ditta che si è aggiudicata il bando, provocherebbe un grosso danno economico ad alberghi e scuole di scii.

Sulla vicenda ha voluto vederci chiaro pure la consigliera regionale Aida Romagnuolo che ha presentato un apposito ordine del giorno. L’esponente di Prima il Molise ha chiesto chiarimenti sull’appalto “per eseguire e dare completamente ai lavori di manutenzione straordinaria degli impianti di risalita seggiovie “La Piana-Lavarelle” e “Campitello-Colle del Caprio”, in località Campitello Matese nel Comune di San Massimo, per circa 300mila euro. I ritardi nell’esplicazione del bando sono ingiustificati – ha proseguito Romagnuolo – considerati i tempi della realizzazione dei lavori da completarsi entro 105 giorni dalla consegna e che l’aggiudicazione dei lavori è stata fatta il 22 novembre scorso, lavori che alla data odierna ancora non vengono avviati. Questi ritardi accumulati rischiano di fatto di pregiudicare l’avvio della stagione invernale con gravi danni economici per gli operatori e di impatto sull’occupazione”.

Più informazioni su