Dimissioni Di Stefano, Travaglini: “Gesto di responsabilità, attacchi strumentali”

Un grazie per il gesto a quello che considera un amico, parole per nulla cordiali nei confronti di chi lo ha attaccato. Così il sindaco di Montenero di Bisaccia Nicola Travaglini commenta la notizia delle dimissioni di Massimo Di Stefano dalla carica di assessore comunale dopo la richiesta di passo indietro della Giunta e di tutta la maggioranza per aver pubblicato su Facebook un post con frase e volto del Duce.

“Esprimo il mio sincero apprezzamento – afferma Travaglini – per il gesto delle dimissioni dell’amico Massimo Di Stefano dalla carica di assessore comunale. La decisione maturata da Di Stefano di rimettere le deleghe attribuitegli, denota maturità e un alto senso di responsabilità; sono convinto infatti che questa scelta gli porterà frutti anche dallo scranno di consigliere comunale.

Ci tengo a ribadire in questa sede che nutro per Massimo un affetto profondo e lo ritengo un amico fraterno, perché riconosco in lui una generosità, una genuinità, un’energia e un altruismo fuori dal comune. Voglio quindi ringraziarlo per il lavoro svolto in Giunta nel corso di questi anni, così come lo ringrazio per aver saputo ottimizzare le risorse disponibili, seppur sempre più condizionate dalla crescente diminuzione dei finanziamenti pubblici patita da tutti i comuni. Non solo dal nostro.

Nell’esprimere la mia convinzione che, con il suo post, Massimo Di Stefano non abbia mai voluto inneggiare al fascismo o a Mussolini, ritengo ancora oggi che un rappresentante delle Istituzioni debba mantenere un profilo che sia sempre al di sopra delle parti e soprattutto rispettoso del ruolo pubblico ricoperto, oltre che rispettoso nei confronti della sua maggioranza e delle sensibilità di tutti i cittadini. Nella massima trasparenza possibile, annuncio che di questa vicenda riferirò a tutte le Istituzioni a noi sovraordinate”.

Massimo Di Stefano

Il primo cittadino attacca poi chi ha dato addosso a Di Stefano. “Pur non avendo condiviso la scelta di Massimo di pubblicare quel post, però, dissento fermamente dalla farsa delle strumentalizzazioni innescate da questa vicenda, ad iniziare dalle posizioni espresse dal consigliere di minoranza Palombo e, man mano, da tutti i commenti manifestati da possibili futuri candidati alle prossime elezioni del 2020; appare piuttosto chiaro che in mancanza di altri argomenti, molti abbiano preso a pretesto questa storia per segnalare semplicemente la propria presenza sulla scena politica locale.

È infine altrettanto chiaro che noi continueremo a lavorare per tutti i cittadini di Montenero di Bisaccia fino alla fine di questo mandato con le risorse che abbiamo a disposizione, coscienti che una cosa è amministrare, altra è parlare dai banchi dell’opposizione, o facendo due chiacchiere in un qualsiasi bar del paese. Ma di questo ci sarà tempo per parlare”.