Ciak, beccato. Le fototrappole per chi abbandona i rifiuti fanno centro. In un mese già 10 multe da 600 euro

Le fototrappole installate dalla Polizia Locale in alcuni punti 'sensibili' della periferia di Termoli hanno permesso di risalire agli autori del reato ambientale dell'abbandono di rifiuti. Già diverse le multe e i procedimenti penali in esame

La ‘guerra’ a chi abbandona rifiuti in strada è partita. L’arma usata è quella delle fototrappole che, installate in alcuni punti del comune di Termoli, hanno iniziato a dare i primi frutti. E ci sono le prime multe salate per i ‘furbetti’ dell’abbandono illegale della ‘munnezza’.

Non c’è buio che tenga: i sensori delle telecamere sono in grado di ‘vedere’ anche in orari notturni.  “Il tutto ovviamente avviene nel pieno rispetto delle norme sulla privacy”, specificano dal Comune e dalla Polizia Locale.

Utilizzate da alcuni mesi dal Nucleo Sicurezza Urbana e Tutela Ambientale della Polizia Locale di Termoli per contrastare questo che è un malcostume ma soprattutto un reato, gli impianti di videosorveglianza sono stati piazzati in posti che sono abitualmente scelti dagli ‘incivili’ per abbandonare i rifiuti. Sono temporaneamente installate in zone periferiche e precisamente nel sottopasso autostradale di via Adige, in località Foce Dell’Angelo, in località Parco del Duca, sulla strada provinciale 113 e altri ancora. Ed è proprio in questi punti sensibili che le fototrappole hanno fatto centro.

abbandono rifiuti termoli

Ultimamente si è pensato, in collaborazione con la Capitaneria di porto, di avviare l’attività di sorveglianza anche in area portuale. È lì infatti che è oltremodo diffuso il ‘fenomeno’ dell’abbandono dei contenitori di polistirolo per uso ittico oltre che dei rifiuti derivati dalla pesca. Materiali che per giunta sono altamente inquinanti e che rendono la zona del porto, cartolina per una città come Termoli, una sorta di discarica a cielo aperto.

Ebbene, le immagini estrapolate dalla telecamera non lasciano adito a dubbi. Per quanto riguarda il porto si è risaliti a un ‘autore seriale’ di abbandoni di contenitori di polistirolo, beccato nello scorso mese di agosto nel compiere lo stesso reato nella zona periferica della città.

abbandono rifiuti termoli

Multe salate ai trasgressori. “Grazie all’uso di questi dispositivi, nell’ultimo mese sono state emesse, per gli abbandoni accertati, oltre 10 sanzioni amministrative da 600 euro per ogni illecito commesso e sono in esame procedimenti penali per il rinvenimento di rifiuti speciali pericolosi”.

abbandono rifiuti termoli

L’attività di monitoraggio con l’uso di questi dispositivi è ancora in atto su tutto territorio comunale e, fanno sapere, proseguirà con l’installazione di altre fototrappole in altre zone cittadine.

Soddisfazione è stata espressa dal Sindaco di Termoli Francesco Roberti e dal Comandante della Capitaneria di Porto Francesco Massaro per un “lavoro reso possibile grazie al Nucleo Tutela Ambientale della Polizia Locale e dal Nucleo NOPA e Nostromi del Porto che, con estrema dedizione, perseguono questo obiettivo per contrastare l’abbandono  di rifiuti su tutto il territorio al fine di prevenire situazioni di degrado e reprimere atti di pura inciviltà”.