Cattedrale e biblioteca Albino, il Comune pressa il Ministero per i finanziamenti

Il sindaco di Campobasso Roberto Gravina ha incontrato il nuovo ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini per fare il punto della situazione. Presto dovrebbe essere riattivato il finanziamento da 250mila euro per la chiesa simbolo del capoluogo, mentre sono prossimi all'affidamento i lavori per l'adeguamento alle normative antincendio della struttura di via D'Amato, passata dalla Provincia al Ministero. Al centro del vertice il riconoscimento Unesco per i Misteri e i fondi del Contratto istituzionale di sviluppo.

Mancano 250mila euro per completare i lavori alla Cattedrale di Campobasso, chiusa un anno fa e uno degli edifici simbolo del capoluogo, oltre ad essere un luogo di culto fondamentale per i fedeli della città. E sono slittati pure i tempi per riaprire la biblioteca provinciale ‘Pasquale Albino’. Qui i cancelli sono sbarrati da tre anni, dopo il passaggio di competenze dalla Provincia di Campobasso al Ministero. Qualche mese fa, in campagna elettorale, l’ex ministro Alberto Bonisoli promise la riapertura entro la fine di dicembre. E’ quasi impossibile che avverrà, anche a causa del rimpasto al Governo e la nomina del nuovo ministro Dario Franceschini che ha ripreso in mano il ‘fascicolo Albino’.

E proprio sul futuro della Cattedrale e della biblioteca si è incentrato l’incontro tra il sindaco di Campobasso e il nuovo titolare dei Beni Culturali

L’incontro si è svolto nel tardo pomeriggio di martedì 10 dicembre, a Roma. L’appuntamento era fissato da tempo, sin da quando Franceschini aveva sostituito al Ministero di sua competenza Alberto Bonisoli, ma solo in questi giorni si è concretizzato.

“Con il ministro Dario Franceschini – ha riferito il giorno dopo l’incontro il primo cittadino del capoluogo – abbiamo anzitutto parlato della chiesa della Santissima Trinità di Campobasso (la Cattedrale, ndr) e ne ho approfittato per portare alla sua attenzione il recente ordine del giorno su questo tema approvato all’unanimità nell’ultimo Consiglio comunale”.

Durante l’incontro sono state gettate le basi per riavviare il finanziamento: il Comune invierà una nuova nota al Ministero che poi – si spera – dovrebbe erogare i 250mila euro per completare l’intervento nel più breve tempo possibile.

Inoltre, ci sono “buone notizie” anche per la biblioteca Albino. “Il patrimonio librario – mi è stato assicurato – sta già ricevendo cure da mani esperte, mentre i lavori per l’adeguamento alle normative antincendio della struttura sono prossimi all’affidamento, posto che è stato appena acquisito il progetto esecutivo”.

Al centro dell’incontro anche il riconoscimento Unesco per i Misteri e l’ex scuola Enrico D’Ovidio di via Roma: “Con il Ministro abbiamo parlato di ulteriori possibili risorse da destinarsi a interventi sul patrimonio materiale – la Casa della Scuola di via Roma – e immateriale – con il riconoscimento Unesco per i nostri Misteri, non senza avviare una discussione preliminare sull’iter di approvazione della progettazione del contratto di sviluppo relativa al centro storico. Insomma, incontro proficuo che grazie alla disponibilità del Ministro Franceschini ci permette di dare continuità ai rapporti già intrapresi come amministrazione comunale con questo importante Ministero”.