Ai campobassani piace il centro: meglio la fiera al vecchio stadio che nella zona industriale

Il 63% dei nostri lettori ha gradito lo spostamento delle bancarelle al Romagnoli fornendo al tempo stesso all'amministrazione comunale spunti e idee per arricchire la manifestazione che si svolge mensilmente.

Meglio in centro città che in periferia. I campobassani hanno apprezzato la scelta dell’amministrazione comunale di spostare la tradizionale fiera di fine mese dalla zona industriale alla vecchio stadio Romagnoli, un’area che tradizionalmente si riempie di bancarelle in occasione del Corpus domini.

Domenica scorsa (1 dicembre) un tiepido sole ha accompagnato il ritorno della manifestazione in centro: gli stand – un centinaio gli espositori presenti – sono stati presi d’assalto dai numerosi visitatori che hanno fatto i primi acquisti per Natale.

Sarà la bella giornata, sarà perchè è stato possibile concedersi una passeggiata in centro: ad ogni modo la novità è piaciuta alla maggior parte dei campobassani. Il 63% di coloro che ha risposto al sondaggio organizzato da Primonumero ha gradito il cambio di location.

Lo spostamento della fiera deciso dal Comune ha ad ogni modo suscitato un dibattito soprattutto sui social: c’è chi ha visto di buon occhio questa novità perchè consentirà di rivitalizzare i negozi del centro di Campobasso che stanno vivendo da tempo un periodo di crisi, obiettivo perseguito anche dalla stessa amministrazione di palazzo san Giorgio e alla base del trasferimento delle bancarelle attorno all’anello del vecchio impianto sportivo.

“Meglio aver portato la fiera in centro, ne beneficeranno le attività commerciali”, commenta ad esempio il signor Roberto Campajola. Per Luca Basile, “la fiera ha avuto il merito di portare tanta gente nel centro cittadino e sicuramente tutte le attività ne hanno beneficiato”. Sulla stessa lunghezza d’onda Sergio Sabelli: “Bisogna rivitalizzare il centro della città e non spostare le persone in lande desolate”.

Inoltre, c’è anche chi rispondendo al nostro sondaggio ha fornito spunti e idee: ad esempio, prevedere oltre alla fiera anche delle casette attrezzate lungo corso Vittorio Emanuele per dare spazio alle aziende locali e ai prodotti tipici. Altri invece, come il signor Cristoforo, hanno proposto di “creare un circuito da piazza Prefettura a via Marconi, dando spazio ai prodotti particolari in piazzetta Palombo”.

Chissà se queste idee saranno prese in considerazione dall’amministrazione pentastellata.