4 giorni di ricerche ma Victorina non si trova, a vuoto le ultime immersioni dei sub

I sommozzatori hanno scandagliato l'area degli imbarchi per le Tremiti senza successo. Inquirenti al lavoro, ma per ora si procede per scomparsa

Cosa è successo a Victorine Bucci? Perché da oltre quattro giorni non si fa vedere né sentire? Le è davvero successo qualcosa? Oppure ha scelto di allontanarsi dagli affetti lasciando però nell’angoscia i familiari? Domande che diventano sempre più pressanti, visti i mancati progressi nelle ricerche della 42enne di Larino (che tutti i conoscenti chiamano Victorina). Da mercoledì scorso 18 dicembre la donna ha fatto perdere le sue tracce.

Le immersioni dei sub dei vigili del fuoco, iniziate nel pomeriggio di giovedì 19, sono riprese ancora questa mattina, nonostante il forte vento che non ha certo agevolato il lavoro dei sommozzatori.

Per togliersi qualsiasi dubbio infatti, i sub del 115 hanno deciso di scandagliare palmo a palmo anche l’unica zona dove finora non si erano concentrate le ricerche, vale a dire quella degli imbarchi per le isole Tremiti, quindi dal lato opposto rispetto al molo vecchio dove giovedì è stato ritrovato il cellulare della donna.

Ma anche in questo caso i sub non hanno trovato né la macchina, quella Fiat Panda rossa che sembra sparita dalla circolazione, né tantomeno il corpo della 42enne.

sommozzatori, vigili del fuoco, ricerche in mare, disperso,

Le indagini coordinate dai carabinieri di Larino, in stretto contatto coi pompieri e con la Capitaneria di porto di Termoli, vanno avanti. La targa dell’auto è stata inserita nella banca dati delle forze dell’ordine e i tentativi di trovarla abbracciano ora l’intero territorio nazionale.

Ma al tempo stesso non vengono sottovalutati gli aspetti più locali, a cominciare dalla ricostruzione delle ultime ore in cui Victorina è stata vista, cioè la giornata di mercoledì, quando a quanto pare avrebbe avuto una accesa discussione col compagno, un termolese di circa 55 anni. Sia lui che i familiari della donna originaria del Ciad ma italiana a tutti gli effetti sono stati ascoltati dai carabinieri che lavorano su impulso della Procura di Larino.

Gli inquirenti procedono sempre per scomparsa, quindi non risultano esserci ipotesi di reato al momento. Certo è che le ore e i giorni passano, senza che ci siano novità rilevanti su Victorine, mentre l’apprensione di chi le vuole bene cresce inevitabilmente.