Trasporti, sindacati indicono nuovo sciopero autobus contro l’immobilismo

Più informazioni su

Lo sciopero del 25 ottobre scorso, nazionale, in Molise non ha portato nessun risultato concreto sul fronte della trattativa aperta per quanto riguarda le abituali emergenze di cui il trasporto su gomma soffre. I sindacati annunciano perciò una nuova azione. 24 ore di blocco dei trasporti per il prossimo 19 novembre. È questo si legge nella nota dei sindacati delle segreterie regionali di Cgil, Uil, Uilm e Ugl, perché persiste un “sostanziale immobilismo delle Istituzioni regionali rispetto alle gravi problematiche del settore”.

Che sono, riepilogando, la mancanza di una pianificazione, i ritardi considerati inaccettabili per la riforma del trasporto locale che possa superare una volta per tutte la cattiva prassi delle proroghe continue. Affidare i servizi attraverso regolari procedure di gara e ridurre l’ingente numero di imprese che operano nel settore (in Molise sono circa 30) costituiscono le richieste principali dei sindacati, che lamentano da anni i ritardi sulla corresponsione delle retribuzioni ai dipendenti che lavorano nelle imprese di trasporto locale. E questo vale sia per i bus urbani, cioè cittadini, che per quelli extraurbani.

“Sono fenomeni imputabili – dicono le segreterie – ai mancati trasferimenti di risorse da parte della regione Molise”. Altro problema che soltanto l’affidamento definitivo al futuro gestore di trasporti potrebbe risolvere è l’età dei mezzi in circolazione. Significa che gli autobus, come più volte denunciato anche dalla cronaca locale, sono obsoleti, vecchi, hanno percorso troppe migliaia di chilometri per poter essere sicuri. È questo senza considerare che il Molise non dispone di un parco autobus elettrico o in linea con quelle che sono le normative europee in termini di inquinamento. I sindacati proclamano dunque lo sciopero che consisterà nella sospensione dal lavoro per tutti gli autoferrotranvieri delle aziende private molisane per 24 ore, ad eccezione di due fasce di garanzia.

Più informazioni su