Tra commozione e ricordi è il giorno dei funerali di Bongusto. “Le tue canzoni saranno eterne”

Alle 15 la chiesa degli artisti di Roma ospiterà i funerali di Fred Bongusto, l’indimenticato chansonnier nato a Campobasso, città che ha lasciato da giovane per iniziare una carriera internazionale facendo sognare l’Italia e il mondo con le sue canzoni.

La commozione per la sua scomparsa, avvenuta nella notte tra dell’8 novembre nella sua casa di Roma,è ancora forte. Dopo Pippo Baudo, Amadeus, Zucchero, Fiorello e Peppino di Capri, in tv è stato ricordato da Memo Remigi che durante il programma ‘Propaganda live’ (La7) ha emozionato interpretando ‘Una rotonda sul mare’. “Se n’è andato un pezzo della mia vita, è stato un artista che ha lasciato molto nel mondo della musica”, le parole di Remigi. “Rimarrà in eterno, tutti continueranno a cantare le sue canzoni”.

“Bongusto era una persona garbata e perbene”, le parole di Mara Venier all’inizio della puntata di ieri (10 novembre) di ‘Domenica in’.

Sui social si moltiplicano i ricordi e i pensieri di chi ha amato i suoi brani, che per alcuni sono stati colonna sonora dei primi amori giovanili. Una testimonianza tangibile di quanto il “crooner” diventato famoso negli anni Sessanta fosse ancora molto amato con le sue canzoni romantiche e delicate.

“Ci hai fatto sognare con le tue canzoni che ti hanno reso immortale“, il pensiero di qualcuno.

Quindi, con ogni probabilità sarà gremita questo pomeriggio la basilica di Santa Maria in Montesanto: oltre ai familiari e agli amici più stretti ci saranno molto probabilmente personaggi del mondo della musica italiana che a lui erano legati e anche cittadini comuni. Sarà presente anche una delegazione del Comune di Campobasso, composta dal sindaco Roberto Gravina e dall’assessore alla Cultura Paola Felice, che porteranno il gonfalone della città. Una scelta apprezzata da molti campobassani che avevano lanciato un appello in tal senso all’amministrazione di palazzo San Giorgio.

In città del resto si respira un’aria mesta: Campobasso è in lutto per la perdita di Alfredo Antonio Carlo Buongusto, nato in via Marconi, nel cuore del capoluogo, dove probabilmente non è stato apprezzato a dovere. E questo rapporto Fred l’aveva tradotto in versi, nella canzone ‘Campobasso e il gabbiano’. Così come aveva dedicato un brano alla sua regione: ‘Molise’. Uno dei versi di questa canzone compare proprio sui manifesti di cordoglio affissi in città e dedicati dalla sua famiglia.

manifesti funebri Bongusto