Scomparso da Campolieto, indagini sospese. Si cerca in Campania: la sua foto diffusa a tutte le forze dell’ordine

Gli investigatori ipotizzano che possa essere stato un allontanamento volontario quello di Solomon Lambo, il 24enne ghanese residente a Campolieto e di cui non vi è più traccia da giorni. Alcuni amici hanno scritto perfino sulla sua pagina Facebook per accertarsi delle sue condizioni di salute.

Lo stop alle ricerche dei vigili del fuoco e dei volontari della Protezione civile è arrivato intorno alle 14 di oggi (19 novembre). Sono state sospese nel primo pomeriggio le indagini di Solomon Lambo, il 24enne ghanese residente a Campolieto e del quale non si hanno più notizie da sabato scorso.

L’ultima volta è stato visto a Castellino sul Biferno, mentre questa mattina il suo cellulare ha squillato. Nessuno però ha risposto. E infine è stato staccato di nuovo.

Il telefonino ha agganciato una cella in provincia di Caserta, a Castelvolturno per la precisione. Solomon è già stato qui in passato.

Ecco perchè gli investigatori non escludono che possa aver raggiunto qualcuno che conosce. Dopo aver raccolto i primi elementi, i Carabinieri che hanno avviato gli accertamenti ipotizzano che il ragazzo si sia allontanato volontariamente come aveva fatto altre volte. Così come sarebbero esclusi il rapimento o il suicidio.

Nel frattempo la foto del 24enne è stata diffusa a tutte le forze dell’ordine, compresi la Polizia e i Carabinieri della Campania.

Decisiva la geolocalizzazione del suo telefonino che ha fatto riaccedere una piccola speranza tra chi lo conosce e in queste ore sta temendo per la sua vita.

Ci sono una serie di aspetti ancora da chiarire: ad esempio, se Solomon ha deciso di andare volontariamente perchè non ha portato con sè i soldi e i documenti che invece ha lasciato a casa? E com’è arrivato in provincia di Caserta? E’ in compagnia di qualcuno? Oppure il telefonino gli è stato rubato e per questo la cella ha agganciato a Castelvolturno?

“Speriamo che non gli sia successo niente”, dicono dal paese di 876 anime a pochi chilometri da Campobasso. Il giovane ghanese, arrivato in Molise quando non aveva nemmeno 18 anni, si era talmente tanto integrato da prendere la residenza a Campolieto e acquistare una piccola abitazione di fronte al Municipio, in via Olmo San Bernardino. Aveva imparato l’italiano, aveva preso il diploma. A giugno però gli scadrà il permesso di soggiorno e senza un contratto di lavoro sarà rimpatriato. Finora il 24enne ha svolto piccoli lavoretti o è stato impegnato nelle borse lavoro del Comune.

“E’ un ragazzo gentile, sempre sorridente. Quando ti camminava affianco, stava sempre un passo indietro perchè diceva che non si riteneva all’altezza”, racconta chi lo conosce. Qualcuno però sospetta del rapporto che aveva con gli altri migranti che abitano a Campolieto e che, riferiscono voci che circolano in paese, pare che fossero invidiosi di lui, di quanto si fosse perfettamente integrato tanto da essere invitato a casa a pranzo durante le feste da alcune famiglie del posto. Anche questo potrebbe c’entrare con la sua scomparsa?

Sono ore di angoscia. E per questo sulla sua pagina Facebook tanti amici gli hanno lasciato un messaggio chiedendogli se stesse bene e dove fosse.