Ritrovato il ragazzo scomparso da Campolieto: è nel Casertano. “Sta bene”

I Carabinieri sono riusciti a rintracciare il giovane ghanese 24enne di cui si erano perse le tracce da qualche giorno. Era a Castelvolturno, la città campana in cui ieri ha agganciato la cella del suo telefonino. Fra pochi giorni rientrerà in Molise.

Gli amici e la comunità di Campolieto che lo ha accolto come un figlio tirano un sospiro di sollievo: Solomon Lambo, il ragazzo di 24 anni di cui non si aveva più traccia da qualche giorno, è stato ritrovato questo pomeriggio (20 novembre) dai Carabinieri.

E’ in provincia di Caserta, a Castelvolturno per la precisione, la città in cui ieri è stato localizzato: il cellulare del giovane ghanese aveva agganciato una cella in quella zona. Il che aveva consentito di allertare anche le forze dell’ordine della Campania, a cui è stata diffusa la sua foto.

“Sta bene, fra qualche giorno tornerà a Campolieto”, riferiscono a Primonumero i militari che già 24 ore fa avevano ipotizzato l’allontanamento volontario.

La buona notizia, dunque, dopo le ricerche svolte da Carabinieri, vigili del fuoco del Comando provinciale di Campobasso e dai volontari della Protezione civile della Regione Molise che hanno cercato in paese e nelle vicine campagne.

Solomon, che oggi pomeriggio aveva sentito al telefono un’amica di Campobasso, sarebbe andato via intenzionalmente da Campolieto, il paese della provincia di Campobasso in cui ha preso la residenza e acquistato casa proprio di fronte al Municipio, in via Olmo San Bernardino.

Perchè sia andato via senza soldi nè documenti è ancora da chiarire. Così come bisognerà capire cos’è successo nella sua abitazione, dove lo scorso sabato sera qualcuno ha divelto la maniglia della porta di ingresso. Certo, non è la prima volta che Solomon lascia il paese: era andato via anche qualche tempo fa per cercare lavoro a Pescara come cameriere. Questa volta però non aveva avvertito. Ecco perchè chi lo conosceva si era preoccupato e temeva per la sua vita.

A Campolieto insomma aspettano solo di poterlo finalmente riabbracciare dopo aver vissuto giorni di ansia per le sorti del ragazzo arrivato in paese circa sette anni fa. Qui ha imparato l’italiano, poi ha preso il diploma e infine ha cominciato a lavorare facendosi apprezzare per la sua generosità ed educazione.