Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Organizzano un rave party sotto il cavalcavia, denunciate 14 persone

I giovani si erano dati appuntamento lungo la Bifernina utilizzando i social. Da sabato sera si erano accampati senza alcuna autorizzazione, trasmettendo musica ad alto volume e consumando alcoli e superalcolici. I militari hanno identificato e segnalato alcuni di loro

Una sorta di “rave party” per trascorrere il ponte di Ognissanti. Lo avevano organizzato probabilmente usando i social e decine di giovani si sono ritrovati già sabato lungo la fondovalle del Biferno, all’altezza del Comune di Castropignano, dove su un’area sottostante il cavalcavia hanno allestito l’area per ballare e bivaccare le successive 48 ore.

Alle prime ore di domenica, una pattuglia dei carabinieri di Bojano, di passaggio nella zona ha sentito la musica ad alto volume e deciso di fare in controllo.

Immediata la richiesta di supporto ai colleghi della Stazione, che giunti sul posto si sono trovati davanti ad una festa a cielo aperto ma senza alcuna autorizzazione.

Tanti i giovani stavano partecipando e che alla vista dei carabinieri hanno interrotto il raduno.

Passati ai controlli, i militari hanno identificato e denunciato 14 persone fra i 19 ed i 43 anni, per “invasione di terreni ed edifici”.

Nel corso del controllo, i segni e i residui di bevande alcoliche e super alcoliche rinvenuti, non hanno lasciato alcun dubbio al fatto che il raduno, nonostante la pioggia incessante, si protraesse dalla tarda serata di sabato.

L’area interessata dall’evento è un cavalcavia della rete viaria, di proprietà demaniale e la musica ad alto volume veniva diffusa da un sistema portato sul posto dagli stessi giovani.

Il Comando Compagnia Carabinieri di Bojano, sottolinea ancora una volta come il controllo del territorio – che in occasione delle festività di ognissanti è stato intensificato, onde prevenire reati predatori – oltre a reprimere le illegalità è un ottimo strumento preventivo, atteso che nell’episodio di specie, i giovani avrebbero potuto mettersi alla guida per fare rientro nelle proprie abitazioni.