Informazioni, assistenza ai turisti, organizzazione eventi: l’importanza del servizio civile nella Pro Loco

Le Pro Loco, vere custodi dei territori, rappresentano un importante anello di congiunzione per la valorizzazione del territorio in ambito turistico, culturale, sociale. Al centro delle loro attività c’è la figura del volontario, vero punto di forza che fa girare la macchina organizzativa: in questo ambito si inseriscono i ragazzi del servizio civile nazionale che sono impegnati nella Pro Loco di Termoli guidata dal Presidente Luciano Calignano.

Sono numerosissime le attività di cui si occupano, quotidianamente, Arianna Ida Monti, Ugo Fratini e Sara Bruscino: “Svolgiamo svariate attività, la più importante delle quali è quella dell’info-point, attraverso cui diamo informazioni alle persone che desiderano essere informati su Termoli o sul Molise in generale. Il servizio informativo che forniamo sia in sede che tramite reception telefonica, nasce da un lavoro di ufficio stampa che svolgiamo costantemente attraverso la ricerca sul web di notizie, di eventi, di beni locali e regionali, entrando in possesso di una mole di informazioni che si amplia gradualmente sulla base delle richieste che ci vengono fatte dai cittadini di Termoli e dai turisti”, scrive Sara.

Il loro è un lavoro di primaria importanza, in grado di restituire alla città numeri importanti sull’andamento turistico e sulle richieste di cittadini e visitatori: “Andando un po’ più nel dettaglio sul servizio di info point, abbiamo raccolto una serie di dati sui turisti ricevuti e informati del turismo locale e regionale, dati che descrivono le loro zone di provenienza e l’oggetto delle loro richieste – aggiunge Sara – Prima di tutto, i turisti italiani provengono da cittadine limitrofe, dalla regione Molise, dalla provincia di Milano, di Como, Firenze, Roma, Bari e Foggia. In secondo luogo i turisti europei ed esteri non italiani provengono (in ordine decrescente) dall’Austria, dalla Svizzera, dalla Germania, dal Regno Unito, dalla Francia, dalla Spagna, dall’Australia, dal Canada, dall’Argentina e dagli Stati Uniti. Recentemente è giunto a Termoli persino un signore proveniente da Seoul, città coreana. Abbiamo notato che le zone di provenienza sono molteplici e varie addirittura transcontinentali, ma il numero dei turisti appare più esiguo rispetto alla varietà delle provenienze stesse”.

Quali sono le domande più frequenti? “In generale i turisti chiedono informazioni su Termoli, sulle isole Tremiti, sul Gargano e sulla regione Molise relative alla cultura (storia, eventi), ai mezzi di trasporto, alla ristorazione e alle strutture alberghiere (con interesse maggiore verso i b&b e gli appartamenti). Si è notato che i turisti dell’Europa continentale chiedono soprattutto informazioni sui percorsi naturalistici molisani e che in generale tutti chiedono consigli su cosa visitare in Molise e su dove andare a mangiare prodotti tipici e locali. Le informazioni che diamo cambiano in base agli interessi dei turisti e vertono sui siti archeologici e sui borghi medievali molisani se il loro interesse è più storico, sui percorsi naturalistici e sui campeggi se il loro interesse è legato all’ambiente”.

I termolesi e, più in generale, i molisani, sono più interessanti a ciò che avviene nel loro territorio: “Invece, per quanto riguarda le informazioni sugli eventi o sulle mostre, esse sono per lo più richieste dai cittadini termolesi, da quelli delle zone limitrofe e dai cittadini molisani provenienti per lo più da Campobasso. Nello specifico, i cittadini termolesi chiedono informazioni sugli eventi della loro città, sui corsi attivi a Termoli (di arte, di lingua, di cucina), sulla possibilità di attuare convenzioni con la Pro Loco o sulle attività svolte dalla Pro Loco stessa”, specifica ancora Sara.

Chi visita la città punta ad avere delucidazioni sui possibili mezzi di trasporto che possano facilitare la mobilità: “Le informazioni sui mezzi di trasporto, inoltre, sono molto richieste sia dai cittadini che dai turisti e riguardano gli orari dei treni, delle navette, delle circolari, degli autobus urbani ed extra urbani e dei traghetti per le isole Tremiti. Molti richiedono orari di autobus extraurbani per le zone interne del Molise e il servizio taxi è richiesto esclusivamente dai turisti stranieri. Si ritiene che le informazioni sui mezzi di trasporto siano quantitativamente le informazioni più richieste.

Oltre a queste attività, svolgiamo quotidianamente lavoro di back office, occupandoci dei nuovi tesseramenti, delle gite, dell’informazione su eventi o promozioni ai soci, dell’esposizione di manifesti, di brochure informative, di giornali d’arte, di prodotti locali riguardanti il patrimonio artistico – culturale (piccole sculture, libri) con possibilità di vendita. Abbiamo inoltre catalogato i libri della Pro Loco realizzando una piccola biblioteca costituita principalmente da libri riguardanti il patrimonio culturale termolese e molisano; i cittadini possono usufruire di tale servizio tramite prestito e il catalogo è visibile anche online, sul sito della Pro Loco.

Con il lavoro di front office, inoltre, manteniamo rapporti con i soci della Pro Loco e con i titolari delle attività convenzionate con l’associazione. Ulteriore attività è quella di partecipare all’organizzazione degli eventi della Pro Loco, come ad esempio al Palio di San Timoteo, alle mostre, alle sagre. Tra l’altro, si è svolto un lavoro di scrittura di comunicati stampa e di articoli e siamo stati coinvolti nella scrittura di progetti”.

Il valore aggiunto dei tre ragazzi è dato dall’ideazione di un progetto in grado di collegare la Pro Loco termolese con le altre realtà. Come? Lo spiega Sara Bruscino: “Ultimo, e non per importanza, è l’apporto che abbiamo dato al lavoro della Pro Loco attraverso l’ideazione e la scrittura di un progetto basato sul progetto dell’UNPLI (Unione delle Pro Loco d’Italia) intitolato ‘Idiomi culturali molisani’. Il nostro progetto è nato per realizzare una mostra fotografica basata sui proverbi termolesi e molisani e intende creare una rete solidale tra le Pro Loco molisane”.