Focus su mercato dell’auto tra nuovo ed usato

Più informazioni su

    Il mercato delle auto ha conosciuto una profonda rivoluzione negli ultimi anni, sia per quanto riguarda le vetture usate che per le vetture nuove. Fino a qualche anno fa, infatti, per vendere la propria auto si doveva ricorrere al passaparola tra parenti ed amici, oppure agli annunci sui quotidiani cartacei. Oggi, invece, tutto si muove velocemente sul web.

    Grandi protagonisti di questa rivoluzione sono i compro auto, veri e propri pionieri di un nuovo modo di concepire la compravendita di auto usate. Questi siti si pongono come acquirenti diretti ed immediati e sono riservati a chi disponga di una macchina funzionante ed immatricolata in Italia, ma non sono limitati in base al modello, all’anno o al chilometraggio. Il processo di vendita dura poco tempo dal primo contatto che si svolge sul sito dell’azienda. Compilando un modulo si viene contattati per un appuntamento per visionare il mezzo e verificarne il libretto di circolazione ed il certificato di proprietà.

    A questo punto viene completata la valutazione e si riceve un’offerta, alla quale non si è comunque vincolati: i servizi offerti, infatti, sono gratuiti e senza impegno anche per coloro che non completano effettivamente il processo di vendita. Il pagamento viene effettuato tramite contanti o assegno circolare, e lo staff è disponibile anche per accompagnare i clienti in filiale a verificare che non vi siano irregolarità nell’incassare la somma.

    La ragione per cui si può reputare il compro auto un modello funzionale è che esso fornisce una risposta efficace sia al problema della valutazione che all’impiego di tempo. Il metodo con cui vengono formulate le offerte ai clienti, infatti, tiene conto di molti parametri che consentono una soddisfazione economica più alta di quella ottenibile presso un concessionario, oltre che immediata. In caso di conto vendita, invece, oltre alle commissioni e alla provvigione pagata al concessionario è sempre richiesto un certo periodo di tempo prima che i suoi dipendenti riescano a trovare un acquirente per la macchina affidata.

    Anche il mercato delle auto nuove sta vivendo un momento molto importante. Anche questo segmento sta riscuotendo enorme successo sulla rete, tanto da aumentare le proprie vendite. Chiude in attivo il mercato dell’auto nel mese di ottobre: con 156.851 immatricolazioni di autovetture nuove contro le 147.039 dello stesso mese del 2018, le consegne hanno fatto registrare un +6,7%. Continua quindi il trend positivo dopo la crescita dello scorso settembre e – di conseguenza – migliora anche il progressivo del 2019 visto che ora nel periodo gennaio-ottobre, i volumi di immatricolato sono stati pari a 1.624.922, ossia il -0,8%.

    In questo contesto il gruppo Fca ha immatricolato 33.663 auto a ottobre, l’1,93% in meno rispetto allo stesso mese del 2018. La quota scende dal 23,35 al 21,46%. Nei dieci mesi ha venduto 386.946 vetture, con una flessione del 2,57% e quota che passa dal 26,39% al 23,8%.

    Tra le tipologie di alimentazione crescono nel mese benzina (+17%), ibrido (+42,6%), elettrico (+61%), gpl (+1,9%) e metano (+283,9%), mentre cede terreno il diesel (-13,3%). Nel consuntivo da inizio anno la quota di mercato dei veicoli a benzina segna il 43,9%, quella degli ibridi il 5,8% e degli elettrici lo 0,5%. Il diesel registra un calo dall’inizio 2019 del -23,1% con una quota di rappresentatività sul mercato in calo di 11,5 punti percentuali e giunta al 40,6%.

    Più informazioni su