Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Emarginato e vittima di soprusi e violenze, nuovo caso. Bullo 17enne denunciato dalla polizia

E' accaduto in un istituto superiore del capoluogo di regione. Segnalato alla procura minorile anche un altro ragazzo di 16 anni che aveva imbrattato la parete della scuola con una bomboletta spray. Il fenomeno del bullismo emerge in tutta la sua brutalità: soltanto qualche giorno la drammatica storia di un ragazzino di Guglionesi, bersaglio di angherie da parte di un branco capeggiato da un 14enne

Era stato un professore a denunciare per primo il danneggiamento avvenuto su una parete della scuola superiore dove insegna.

Con una bomboletta di vernice spray qualcuno aveva deturpato il muro e dunque era stato richiesto l’intervento della polizia.

Che grazie ad un video postato su Facebook proprio durante quell’azione (poi cancellato nel tentativo  di eludere le indagini) sono arrivati a scoprire l’autore perché gli agenti della Polpost hanno acquisito le immagini prima della loro cancellazione e estrapolato alcuni screenshot attraverso cui sono arrivati all’identificazione  di un 16enne che frequenta l’istituto.

Nel corso delle indagini i poliziotti, coordinati dalla Procura per i Minorenni nella persona della dottoressa Rossana Venditti, hanno poi acquisito un altro video a contenuto illecito, dal quale era emerso  un episodio di bullismo accaduto nella stessa scuola, nei confronti di un altro alunno, ritratto mentre viene deriso e coperto di sputi.

polizia postale

Durante le indagini  però è venuta fuori un’altra realtà: cioè che quel ragazzo da tempo era vittima di persecuzioni da parte di un 17enne, collega d’istituto.

Il “bullo” era solito tormentare la vittima con continui, avvilenti soprusi (ad esempio, gli nascondeva il cellulare, gli prendeva a calci lo zaino) ed in un’occasione lo aveva  addirittura afferrato per la gola, mentre in un’altra circostanza gli versava addosso una bottiglietta colma d’acqua.

In conseguenza di quanto accertato, sia il 16enne imbrattatore che il bullo di 17 anni sono stati denunciati dalla Polpost, rispettivamente per danneggiamento aggravato e per molestie.

Gravi episodi di violenza, che accadono in un’altra scuola (a Guglionesi) sono stati raccontati solo il 21 ottobre scorso. Soprusi psicologici e fisici su un ragazzino che frequenta la II media. Offese continue su whatsapp, braccato dal branco affiliato a un 14enne prepotente e manesco ai giardini pubblici, menato a scuola qualche giorno fa. In quella circostanza è stata la mamma, afflitta, esausta, delusa dall’indifferenza che aveva riscontrato a sporgere  denuncia ai carabinieri sollevando quello che è ormai un fenomeno sempre più diffuso e rispetto al quale spesso in molti fanno spallucce.