È stato arrestato il 19enne egiziano violento. Aveva abbindolato anche un’altra minore

Il Gip ha firmato la misura cautelare in carcere dopo le numerose volte in cui il giovane, invitato a stare lontano dal Molise, aveva ripetutamente violato i provvedimenti continuando a perseverare in una condotta violenta nei confronti di una minore che adesso è stata affidata ad una struttura di recupero. Ma l'extracomunitario, in poche ore, aveva trascinato nel suo gruppo di amici un'altra ragazzina

La squadra mobile di Campobasso – insieme ai colleghi della Polizia Ferroviaria – lo hanno bloccato mentre girovagava anche dopo l’ultimo provvedimento per le strade di Campobasso. Ma ieri sera su disposizione del giudice per le indagini preliminari è stato rinchiuso nel carcere di Campobasso.

È finita in via Cavour la vita ribelle del 19enne egiziano che – forte delle fragilità di piccole ragazze che incrociava per strada – era solito prima sedurle per poi farne delle piccole vittime. Vittime della sua ira, della sua aggressività, della sua abitudine alle sostanze stupefacenti.

L’extracomunitario, infatti, è stato portato nel carcere di Campobasso dopo essere stato intercettato ancora una volta insieme alla sedicenne che era fuggita dalla casa protetta in cui le autorità avevano deciso di tenerla con la speranza che si disintossica asse da quell’amore malato che la costringeva ad una vita di stenti e recuperasse la sua giovinezza.

Invece anche lei, da quella casa è fuggita di nuovo per correre da che non ha opposto alcuna obiezione. Anzi. Poche ore di fuga, perché gli uomini della polizia di stato hanno beccato di nuovo entrambi.

La sedicenne è stata invece destinata ad una struttura di recupero che si occuperà di lei anche sotto l’aspetto psicologico; l’egiziano era stato rilasciato in attesa del provvedimento del giudice. Che è arrivato giovedì sera. E nel frattempo il 19enne assieme al gruppo di connazionali con i quale bivacca lungo le strade del capoluogo, aveva già abbindolato un’altra minore. Che dopo l’arresto del giovane ha continuato a stare con gli altri giovani del gruppo. E alcune testimonianze raccontano di averla vista elemosinare in questi ultimi giorni nei pressi della stazione ferroviaria, forse dietro richiesta dei giovani extracomunitari.

Uno di loro, fra l’altro, è in attesa che gli sia rinnovato il permesso di soggiorno, qualora nei prossimi giorni questo non dovesse accadere risulterebbe irregolare sul territorio italiano e quindi dovrebbe essere poi rispedito in Egitto.