Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Colletorto, giornata dell’unità nazionale: un messaggio di solidarietà e pace foto

Più informazioni su

Una giornata speciale per la comunità colletortese che richiama valori importanti e unisce le generazioni. Quelle dei nonni (e dei bisnonni) e quelle dei nipoti, con i genitori a fare da ponte per condividere un messaggio di sensibilità, appartenenza e pace tra i popoli contro ogni guerra.

In occasione della festa delle forze armate e dell’unità nazionale del 4 novembre si è svolta una partecipata manifestazione anche in ricordo di tante persone che non ci sono più e che non facevano mai mancare la loro presenza a questo appuntamento con la storia.

Il programma ha previsto la messa celebrata dal parroco, padre Vincenzo Bencivenga e, a seguire, il corteo che ha raggiunto il monumento ai caduti di tutte le guerre insieme alle scuole alla presenza della stazione Carabinieri di Colletorto guidata dal Maresciallo Francesco Pellegrino. Al suono dell’Inno di Mameli è stata deposta una corona di alloro in perenne memoria di tante persone, moltissimi giovani, che persero la vita al fronte. Il sindaco, Cosimo Mele, è intervenuto ricordando il valore e il significato di questa giornata in cui – ha affermato – si evidenzia il lavoro delle forze armate con le attività che nostri militari che affrontano ogni giorno nell’ambito del loro servizio al Paese mettendo a rischio quotidianamente la propria vita offrendo la loro professionalità in numerose missioni di pace, calamità e aree di crisi.

Si ricorda altresì l’Unità nazionale e un valore fondamentale – ha aggiunto commosso Mele –, quello della Patria, termine che oggi a volte sembra si ha paura di pronunciare o viene detto sottovoce. Invece, è motivo di appartenenza, di incontro, di collaborazione, di solidarietà di un popolo in cui bisogna saper unire e non dividere le diversità. La guerra – ha concluso Mele ricordando la conclusione dei conflitti mondiali – è sempre negativa e sono tanti i giovani che muoiono con i genitori che si trovano a seppellire i figli quando, secondo l’ordine naturale delle cose, dovrebbe essere il contrario. Riflettiamo affinché non ci siano più conflitti e si costruisca un futuro di unità e pace”.

Significativo l’intervento di diversi alunni delle scuole del paese che hanno letto i loro pensieri promuovendo messaggi di unità, pace e amore per la propria terra. Il sindaco Mele li ha ringraziati così come ha ringraziato tutti i presenti a nome dell’amministrazione comunale. La giornata si è conclusa con la canzone del Piave, uno dei più celebri brani patriottici italiani.

Più informazioni su