Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Cogliati ‘uomo della Provvidenza’: il Campobasso ridà senso alla propria stagione

La doppietta contro il Giulianova segue la rete realizzata ad Agnone: l’attaccante è un toccasana per l’umore dello spogliatoio e della piazza e per la risalita in classifica. “Avevo tanta voglia di tornare a giocare. Questo ha influito sicuramente su questo ottimo impatto. Poi tornare in una piazza che già conosci di certo aiuta”. I Lupi sono ora a tre punti sia dalla zona playoff che dai playout, le prime continuano a volare.

La seconda vittoria consecutiva ridà al Campobasso un minimo di fiducia e di credibilità. Dopo dieci giornate i valori vengono fuori e la coppia di testa Recanatese-Notaresco continua a fare campionato a sé. Nove successi in dieci partite per fare il vuoto: alle spalle del tandem, a ben nove lunghezze, inseguono Pineto e Matelica. E addirittura a tredici arrancano i rossoblù, ora a meno tre dalla zona playoff ma anche da quella playout. Insomma, testa bassa e proseguire sulla strada intrapresa per rimontare più posizioni possibili e dare dignità al proprio campionato.

 

Salta all’occhio in queste due ultime domeniche la facilità con cui Pietro Cogliati si è inserito nella squadra. Prestazioni di alto livello e media realizzativa da urlo. L’attaccante ha messo a segno già tre reti tra Agnone e Giulianova, timbrando una doppietta fondamentale proprio contro gli abruzzesi e sciorinando calcio piacevole e giocate sopraffine. È chiaro che non ha potuto fare tutto da solo ma è sicuramente l’elemento che ha dato la scossa allo spogliatoio. E un po’ anche all’ambiente.

 

“Avevo tanta voglia di tornare a giocare – confessa Cogliati –. Questo ha influito sicuramente su questo ottimo impatto. Poi tornare in una piazza che già conosci di certo aiuta. Devo dire che fin dal primo giorno sono stato accolto bene dal mister e dai compagni, quindi sono veramente felice”. La condizione fisica dell’esterno d’attacco è buona, lo dimostra il fatto che ha corso per quasi novanta minuti: “Mi sono allenato con una squadra vicino casa mia nell’ultimo mese”.

 

A livello tattico Cudini l’ha provato da prima punta atipica con alle spalle due trequartisti (Candellori e Pizzutelli). Un ruolo che sembra piacergli: “Bello giocare sulla linea dei difensori, soprattutto sul nostro campo che permette di avere grandi spazi e riesco a sfruttare le mie caratteristiche. Nel reparto avanzato riesco a giocare in tutte le posizioni, anche da falso nove è andata bene”. A questo punto aumenta anche il rammarico della mancata conferma in estate: “Non mi interessa sinceramente, ognuno fa le sue valutazioni. Va bene così, l’affetto della società non è mai mancato ed è quello che interessa di più”.

 

Infine, un pensiero per i festeggiamenti del centenario del Campobasso che sembrano aver responsabilizzato il gruppo rossoblù: “Questa piazza ha una potenzialità molto importante. Da quando sono arrivato la differenza che ho notato è nel clima dello spogliatoio, all’inizio c’era un po’ di tristezza, ora è tornato un pizzico di entusiasmo. Ora serve equilibrio. È chiaro che gli stimoli esterni ci hanno aiutato”.      FdS

 

Foto Eric Moscufo

 

I RISULTATI DELLA 10^ GIORNATA

Avezzano-Matelica 0-2, Campobasso-Real Giulianova 2-0, Fiuggi-Recanatese 0-2, Jesina-Montegiorgio 1-2, Pineto-Vastese 1-1, S. Notaresco-Olympia Agnonese 2-1, Sangiustese-Chieti 2-2, Tolentino-Porto S. Elpidio 2-1, Vastogirardi-Cattolica 3-2.

CLASSIFICA

Recanatese e Notaresco 27, Matelica e Pineto 18, Montegiorgio 17, Vastogirardi e Porto S. Elpidio 16, Campobasso 14, Sangiustese 13, Olympia Agnonese, Real Giulianova e Vastese 12, Fiuggi e Chieti 11, Tolentino 10, Avezzano 8, Cattolica 3, Jesina 2.