Azione Cattolica Ragazzi compie cinquant’anni: grande festa di crescita e fraternità foto

Il 31 ottobre a Larino si è svolta nella piazza antistante la Concattedrale, la festa diocesana per i cinquant’anni anni dell’Azione Cattolica Ragazzi. Non si tratta di un traguardo qualsiasi, tanto più quando a compiere cinquant’anni è qualcuno, in questo caso l’Acr, che ha scritto e desidera ancora continuare a scrivere un pezzo importante di storia per la Chiesa e per il Paese. Cinquant’anni di attenzione ai più piccoli, valorizzandone il protagonismo nella vita ecclesiale e civile. Cinquant’anni di gruppi, di impegno per la Pace, per l’integrazione delle diversità, di vita nella carità, insieme alla comunità cristiana.

La festa è iniziata con un momento di preghiera guidato dal Vescovo, monsignor Gianfranco De Luca, in cui non è mancato un pensiero per i bambini e la maestra vittime del terremoto di 17 anni fa con un minuto di silenzio durante il quale un bambino ha ricordato i loro nomi. È stata poi ascoltata dalla viva voce di don Gabriele Tamilia, uno dei ‘protagonisti del cambiamento’ che, nell’intervista guidata da un giornalista in erba, Luca, ha risposto alle domande su come e perché, sotto la spinta dell’allora presidente nazionale Vittorio Bachelet, è nata l’Acr.

Sono seguiti giochi e a termine l’accensione di cinquanta candeline per cinquanta desideri scritti dai ragazzi e il taglio della torta, offerta dall’Azione Cattolica di Morrone- Ripabottoni. Alla festa ha partecipato anche il gruppo famiglie di Larino che ha organizzato la consueta castagnata. In quella stessa giornata quattro ragazzi, Marica, Iole, Aldo e Daniele e due educatrici, Pia e Rachelina, sono partiti alla volta di Roma dove hanno partecipato, in rappresentanza dell’Acr diocesana, fino al due novembre a ‘Light UP. Ragazzi in sinodo’ insieme ad altri mille bambini e ragazzi provenienti da tutta Italia per ‘illuminare’ di bellezza la capitale. Tre giorni di lavori assembleari presso la Fraterna Domus di Sacrofano (Roma) per riflettere insieme sull’importanza della fede per i piccoli e su come l’esperienza dell’associazionismo possa rappresentare un valore aggiunto per vivere la propria relazione con Gesù.

La giornata di venerdì primo novembre, in cui si festeggia la nascita dell’Acr, si è aperta con la celebrazione eucaristica nella basilica di San Pietro presieduta da monsignor Gualtiero Sigismondi, assistente generale dell’Azione Cattolica e vescovo di Foligno a cui è seguita la partecipazione alla preghiera dell’Angelus in piazza San Pietro con Papa Francesco. Un ringraziamento di cuore ai parroci, alla comunità larinese e all’amministrazione comunale per l’accoglienza e la disponibilità ricevute insieme al Vescovo De Luca che incoraggia e sostiene sempre le iniziative dell’Azione cattolica, ai bambini e a tutte le famiglie presenti.