Arco e Torre dell’Orologio, sì al recupero con un finanziamento di 30mila euro

Progetto approvato in graduatoria e finanziato grazie alle somme che la Regione Molise ha riscosso a titolo di sanzioni per abusi commessi in violazione di norme a tutela del paesaggio

L’arco di Borgo Costantinopoli e la Torre dell’Orologio di Portocannone, senza dubbio il complesso architettonico più significativo del comune, saranno consolidati e riqualificati grazie a un finanziamento di 30mila euro che non graverà in alcun modo sul bilancio comunale, che come è noto è in default. Venerdì scorso infatti è stata pubblicata la graduatoria relativa all’avviso pubblico indetto dalla Regione Molise per progetti di recupero del patrimonio paesaggistico ed architettonico ed il sindaco Giuseppe Caporicci, insieme alla sua Giunta e al Consiglio, ha appreso la buona notizia.

Portocannone aveva infatti partecipato al bando presentando un progetto per il recupero e la riqualificazione dell’Arco e della Torre dell’orologio. Che ora sarà interamente finanziato dalle somme che la Regione Molise ha riscosso a titolo di sanzioni per abusi commessi in violazione di norme a tutela del paesaggio. “Una operazione – commenta il primo cittadino – che ha un duplice valore meritorio, nata da una intuizione valida dell’assessore Roberto Di Baggio”.

Il progetto sarà possibile grazie anche alla costante ricerca di opportunità per la comunità da parte degli amministratori, “con l’obiettivo di realizzarle senza mettere le mani nelle tasche dei cittadini”. L’idea produce un ulteriore risultato tangibile “che ci rende particolarmente soddisfatti anche in considerazione dell’elevato numero di progetti pervenuti alla Regione (72 per la precisione, di cui finanziabili per ora solo i primi dieci, con il nostro in ottava posizione), riconoscimento evidente di un’elevata qualità della proposta progettuale”.