Affitti, il Ministero assegna alla Regione 100mila euro per aiutare le famiglie in difficoltà

Entro il 31 gennaio 2020 dunque i Comuni dovranno trasmettere tutti i dati alla Regione Molise per poter accedere al riparto dei fondi

Ammontano a 106mila euro  le risorse che la Regione Molise è riuscita ad ottenere dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti come contributo ai costi di locazione degli immobili, a valere per gli anni 2019 e 2020. Tali somme potranno essere utilizzate per assegnare contributi e sostenere il pagamento dei canoni di fitto dovuti ai proprietari degli immobili, di proprietà sia pubblica che privata.

Per accedere ai finanziamenti i Comuni dovranno predisporre appositi bandi pubblici, con i quali vanno definiti nel dettaglio i requisiti minimi dei conduttori per poter usufruire del contributo e comunicare alla Regione Molise, entro il prossimo 31 gennaio 2020, il fabbisogno comunale così da pervenire alla graduatoria degli aventi diritto.

“I 106mila euro assegnati al Molise sono una cifra considerevole  se rapportata al nostro territorio, che nei tavoli nazionali si trova a dover competere con regioni molto più grandi e con un patrimonio edilizio e urbano di dimensioni notevoli”, commenta l’assessore regionale Roberto Di Baggio.

L’esponente della Giunta osserva ancora: “Abbiamo un rischio spopolamento elevato, soprattutto nelle aree interne, e dobbiamo combatterlo con tutte le nostre forze e con tutti i mezzi che abbiamo a disposizione, intercettando ogni forma di sostegno in favore delle famiglie e della comunità locale. Questo contributo, rivolto proprio a chi deve sostenere i costi di fitto, è un aiuto importante, anche perché copre sia i canoni dovuti nei confronti dei proprietari privati che dei soggetti pubblici”.

Entro il 31 gennaio 2020 dunque i Comuni dovranno trasmettere tutti i dati alla Regione Molise. “Perciò – continua Di Baggio – è importante procedere tempestivamente alla pubblicazione dei bandi pubblici, così da consentire ai cittadini di poter presentare le domande di ammissione al contributo e beneficiare di questo importante sostegno alle famiglie, per arginare le difficoltà economiche che troppo spesso sono la causa del disagio sociale e del continuo esodo dal nostro territorio”.