Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Tre ragazze termolesi sul tetto d’Europa, un oro e due argenti per le atlete del Circolo Canottieri

Il risultato ai campionati Europei a Corgeno di Vergiate. Entusiasta il presidente del circolo, Nico Balice: "La nostra città sforna eccellenze anche nello sport"

Una medaglia d’oro e due d’argento per il canottaggio termolese agli Europei che si stanno svolgendo a Corgeno di Vergiate, in provincia di Varese. Nella disciplina del canottaggio a sedile fisso la diciannovenne Giusy Fatima Pia ha conquistato la medaglia d’oro nella gara ‘4 di punta’ Seniores femminile sui 1000 metri quest’oggi 12 ottobre.

Medaglia d’argento invece per altre due rappresentanti del Circolo Canottieri Termoli. Si tratta di Noemi Carotenuto, 17 anni, al secondo posto nella categoria ‘Jole A4’ femminile e per Giulia Giacomodonato, anche lei appena diciassettenne, che è giunta seconda nella ‘Jole A4’ Juniores donne. Tutte e tre sono allenate dal tecnico federale Roberto Moscatelli.

Si tratta di uno straordinario risultato per l’intero sport molisano e per la disciplina del canottaggio termolese. Estremamente soddisfatto il presidente, l’avvocato Nico Balice, che qualche minuto dopo aver avuto la notizia direttamente dalla voce delle ragazze a Corgeno di Vergiate, ha voluto esprimere la propria gioia per il risultato ottenuto.

Canottaggio tre termolesi

“Non posso che essere contento perché questo risultato certifica che la nostra direzione è quella giusta, la crescita del movimento è costante e la nostra città di mare sta sfornando eccellenze anche nello sport”.

canottaggio tre temolesi

Parole di elogio anche per chi a Termoli fa l’impossibile per far allenare Giusy, Noemi e Giulia. “Voglio ringraziare in modo particolare il Marinucci Yachting Club perché ci garantisce che gli impianti, la manutenzione e la promozione del nostro sport. Se consideriamo che fra tutte le marinerie d’Italia e in competizione con le migliori atlete europee, le nostre ragazze hanno ottenuto questo risultato ci rendiamo contro che è qualcosa di davvero eccezionale”.