Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Scuolabus per gli alunni dell’infanzia, la Regione stanzia fondi per i Comuni

La Giunta regionale ha approvato una delibera in cui stanzia 230mila in favore dei Comuni che riusciranno ad assicurare il servizio

Sono più di 1300 i bambini molisani che frequentano la scuola dell’infanzia. Per aiutare i Comuni a garantire il servizio di trasporto scolastico la Regione Molise ha stanziato 230mila euro. E’ quanto prevede la delibera di giunta approvata lo scorso 14 ottobre.

Con questa misura l’ente di palazzo Vitale intende andare incontro alle amministrazioni che garantiscono il servizio sia alle famiglie che provvedono con il mezzo proprio e ai quali saranno erogate somme in relazione al numero degli alunni che frequentano l’asilo.

“Sono interventi importanti, per i Comuni e per le famiglie – ha spiegato l’assessore all’Istruzione Roberto Di Baggio – misure con cui la Regione Molise è vicina al territorio e alle sue esigenze: la spesa per il trasporto scolastico va ad aggiungersi ai tanti costi che sia le famiglie sia i Comuni devono affrontare quotidianamente per garantire il diritto allo studio sin dalla più tenera età e che, purtroppo, a volte determina una ridotta frequenza, con privazione di momenti di aggregazione e sviluppo socio emotivo importanti per la crescita dei piccoli alunni. Tanto è vero che anche il Ministero ha sottolineato l’importanza di questi interventi a sostegno del trasporto scolastico, intervenendo con un recentissimo Decreto Legge sul tema, di cui la nostra Regione, con questo bando sperimentale, ne ha anticipato gli effetti benefici in favore delle famiglie molisane. E questo è già di suo, un risultato notevole, segno che quando si lavora tenendo a cuore la propria comunità i problemi, le difficoltà si superano e le cose si fanno”.

Sarà stilata una sorta di graduatoria di finanziamento che sarà erogata sia ai Comuni più piccoli che ai centri di maggiori dimensioni “che vedranno accreditarsi anche somme che si avvicinano ai 20.000 euro”. Invece nei centri ove invece il servizio comunale non è garantito il contributo sarà erogato direttamente alle famiglie (circa 200 nuclei) che, a loro volta, avendo risposto ai bandi comunali cui è stata demandata la relativa indizione, riceveranno circa 180 euro come sostegno alle spese di trasporto per raggiungere la sede scolastica.