Schianto mortale in contrada Feudo, domani i funerali di Michele D’Aquila

I medici nominati dall'Autorità giudiziaria hanno eseguito l'esame autoptico che servirà a chiarire ulteriormente le cause del drammatico schianto accaduto in contrada Feudo domenica notte

Eseguita l’autopsia, si terranno domani – giovedì 17 ottobre – alle 15.30 nella chiesa di San Giuseppe Artigiano i funerali di Michele D’Aquila, il 48enne, che domenica notte si è schiantato con la sua Lancia Lybra contro un albero mentre faceva ritorno a casa in contrada Feudo, a Campobasso.

Michele D’Aquila, lascia la moglie e 4 figli. Una tragedia accaduta a poche ore da quella che si è consumata lungo la statale 17 all’altezza dello svincolo di Bojano dove a perdere la vita sono stati un ragazzo di 21 anni e un uomo di 77.

In contrada Feudo, i primi ad intervenire sono stati i carabinieri. I sanitari del 118n invece, giunti sul posto non hanno potuto far altro che constatare il decesso dell’uomo.

Cosa sia successo lo stabiliranno i risultati degli esami clinici condotti sulla salma dell’uomo e disposti dall’Autorità giudiziaria. Non è escluso, infatti, che il 48enne possa aver avvertito un malore mentre era alla guida, finendo tragicamente contro quella quercia dove è stato trovato dai militari e dai vigili del fuoco.

Stando alle testimonianze ridotte pare che domenica sera lungo la contrada fosse scesa la nebbia tanto da impedire una normale visibilità della strada. Ma il punto dove è accaduto lo schianto sarebbe in salita e sull’asfalto i carabinieri non avrebbero riscontrato segni di frenata.

 

Quindi determinante a questo punto sarò, appunto, l’esito dell’autopsia che chiarirà le cause dell’incidente e offrirà elementi determinanti alla ricostruzione della dinamica.