Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Regione “zozzona” non differenzia e abbandona i rifiuti, sopralluogo e verbale dei vigili urbani

Sacchi neri di immondizia pieni soprattutto di atti e relazioni della Regione Molise sono stati abbandonati - e non sarebbe la prima volta - all'altezza dei cassonetti usati per la differenziata lungo via XXIV Maggio. L'assessore Cretella: "Basta, adesso voglio vederci chiaro". Sul posto il sopralluogo della municipale che ha relazionato e verbalizzato l'accaduto

Quando  mezzi e gli uomini della Sea sono passati a svuotare i cassonetti per la differenziata lungo via XXIV Maggio, davanti agli uffici della Regione Molise hanno trovato invece i bidoni vuoti e accanto (come vedete nelle immagini) tre sacchi neri perlopiù riempiti con carte inerenti atti e provvedimenti della Regione Molise e materiale quasi completamente differenziabile.

differenziata inmondizia

Episodio che a fronte del fatto che pare non sia l’unico registrato nei pressi della stessa sede e quindi non la prima volta, ha fatto saltare sulla sedia l’assessore all’ambiente di Palazzo San Giorgio, Simone Cretella. Che infuriato per il grado di inciviltà perseverante ha chiesto l’intervento dei vigili urbani e davanti a loro si è preoccupato di aprire materialmente i sacchi per riscontrarne il contenuto e quindi far verbalizzare e valutare un’eventuale multa a carico dei presunti responsabili dell’abbandono dell’immondizia.

“Quando si chiede la collaborazione e si danno regole ai cittadini, le istituzioni devono essere le prime a dare il buon esempio” ha detto Simone Cretella quasi incredulo nel dover constatare che “Questo scempio accade sistematicamente davanti gli uffici della Regione Molise in via XXIV Maggio, dove evidentemente si preferisce mescolare tutti i rifiuti, abbandonandoli poi a terra in maniera incivile, anziché differenziare correttamente e comunque conferirli negli appositi bidoni, che sono lí, ben chiusi a chiave, ma vuoti ed inutilizzati”.

Per l’assessore è giunta l’ora di cambiare registro e dopo sopralluogo e verbale dei vigili ha chiesto alla Sea di non rimuovere i rifiuti “perché abbandonati in maniera illegale per eludere il servizio di raccolta porta a porta”.

differenziata inmondizia

“Se così raccolti, finirebbero in maniera indifferenziata in discarica, pur trattandosi di materiali perfettamente differenziabili e riciclabili – ha spiegato e concluso Cretella – ; non dobbiamo e non possiamo più permetterlo.  Senza considerare l’oltraggio al decoro urbano  perpetrato, in maniera oramai non più tollerabile, da un ente pubblico come la Regione che invece dovrebbe, in primis, adottare le buone pratiche della differenziata. Lasceremo i sacchi  dove stanno, chi di dovere, se vorrà, avrà tutto il tempo per svuotati e separare i rifiuti, conferendoli in maniera corretta all’interno dei bidoni; diversamente potrà conservarli e magari avviare una discarica autogestita, ma all’interno del giardino della Regione e non certo sulla pubblica strada”.