Ladri di ciclamini, quando il furto danneggia l’intera comunità

Più informazioni su

Sembra il titolo di un film, invece è la assurda realtà. Ladri di ciclamini, questa una delle tante frontiere dell’inciviltà.

L’immagine, scattata a Termoli, è eloquente. A postarla sui social è stata una cittadina indignata e amareggiata, che ci ha inviato la foto condividendo la sua mestizia di fronte a tutto ciò. Perché rubare dei fiori è l’atto di chi non possiede alcun senso civico e alcun rispetto per un bene comune. E a perderci, a causa di un singolo atto di una singola persona, siamo tutti noi.

Nel vaso due dei bulbi sono stati asportati e chi lo ha fatto si è dimostrato incurante di tutta la comunità, cui ha sottratto un ‘bene’ prezioso. Perché il verde pubblico è, indiscutibilmente, un bene della intera collettività.

Che il movente sia stato un pensiero romantico o meno poco importa: rubare fiori è un gesto incivile e non può essere giustificato in alcun modo.

La cittadina, che ha mostrato sdegno per l’accaduto, ha accompagnato il post con queste parole: “Cari Termolesi, ci si lamentava in passato del verde pubblico poco curato… Ci impegniamo anche noi, come sta facendo l’Amministrazione, a rispettarlo?”

Più informazioni su