Il politologo D’Alimonte spiega la democrazia contemporanea. E strega gli studenti – VIDEO foto

Più informazioni su

Non solo hanno partecipato e sono rimasti ben oltre l’orario previsto, ma hanno posto tante domande, dimostrando di essere curiosi e interessati al tema. Quale? La politica, nella sua accezione più nobile e nella lucida e pacata analisi di un momento particolare della storia democratica del nostro Paese. I ragazzi della terza media e dell’Istituto superiore di Guglionesi hanno preso parte questa mattina a una edizione speciale dell’Aut Aut Festival. Il teatro Fulvio ha ospitato infatti per due incontri – uno dei quali riservato alle scuole e l’altro al pubblico – il professor Roberto D’Alimonte, politologo tra i più famosi d’Italia che peraltro è proprio originario di Guglionesi.

E’ infatti nato nel borgo bassomolisano, dove è anche cresciuto. Dopo la laurea in Scienze Politiche a Firenze si è specializzato all’Università di Harvard e a Berkeley. Oggi dirige il Centro Italiano Studi Elettorali e collabora sistematicamente con il quotidiano economico Il Sole 24 Ore.

La sua presenza a Guglionesi (“dove torno sempre molto volentieri anche perché mia moglie che è americana adora questo posto”) ha incrociato la coincidenza del voto umbro e la vittoria schiacciante di Lega e Fratelli d’Italia. Un argomento di strettissima attualità che ha costituito il pretesto perfetto per  l’analisi del direttore del Dipartimento di Scienze Politiche della Luiss, che ha spaziato dai sistemi maggioritario e proporzionale al senso vero della democrazia, dal sovranismo ai flussi elettorali e all’attuale scenario italiano e europeo, prospettive future comprese.

Un tema evidentemente sentito, che nell’incontro pomeridiano, dopo l’intervista della curatrice dell’Aut Aut Valentina Fauzia, ha suscitato le reazioni interessate del pubblico presente, numeroso malgrado il lunedì e l’orario inconsueto delle 18 e 30.

D’Alimonte, considerato il padre dell‘Italicum, ha sostenuto l’opportunità e le ragioni di un sistema maggioritario a garanzia della governabilità, modulato sull’esempio del sistema misto che caratterizza l’elezione diretta del sindaco e del Presidente della regione. La sua interpretazione politica, suffragata da dati e sondaggi, ha spinto a un dibattito vivace a conclusione dell’incontro.

La mattina è stata invece, come detto, riservata agli studenti, che hanno riempito in massa il teatro. Il professor D’Alimonte li ha saputi attrarre e coinvolgere parlando di politica, di Europa, di, di stabilità economica, del loro futuro. Oltre due ore di incontro, per un evento fortemente voluto dal sindaco Mario Bellotti, dalla dirigente Patrizia Ancora e inserito all’interno dell’Aut Aut, che proprio nel teatro Fulvio di Guglionesi sembra aver trovato una ottima potenzialità espressiva.

Dopo il concerto di sabato scorso della cantautrice francese Maude Lamy de la Chapelle, con le sue deliziose poesie musicate, oggi è stata la volta del politologo. I prossimi incontri vedranno sul palcoscenico Ettore Maria Colombo, Ezio Mauro che a Guglionesi presenterà il suo libro “Berlino, cronache del muro. Le vicende che hanno segnato la storia”e Domenico Iannacone. Appuntamenti che non tralasciano uno sguardo al bello e al positivo, come ricorda Valentina Fauzia: “L’obiettivo è continuare a crescere insieme, valorizzando quanto di buono c’è e portando cultura, che è la cura”.

Qui il link al video di Fuori Porta Web

Più informazioni su