Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Ecco il terzo centro commerciale della città: nell’edificio della famiglia Potito negozi e uffici foto

Stanno procedendo a pieno ritmo i lavori per la costruzione di un immobile in un'area da circa 2mila metriquadrati tra Campobasso e Ripalimosani: lo stabile, che sarà a due piani e dotato di parcheggi, sorgerà in viale Unità d'Italia, affianco al grande emporio cinese e di fronte a Meca Poce.

Da qualche settimana nel cantiere si lavora a pieno ritmo. E per ora si sa che sarà un mega immobile a due piani: piano inferiore dedicato alle attività commerciali, in quello superiore troveranno posto gli uffici. I lavori procedono a piano ritmo in viale Unità d’Italia, nella zona industriale tra Campobasso e Ripalimosani.

Davanti al negozio di scarpe e abbigliamento Meca Poce e affianco al grosso emporio cinese, sarà costruito il terzo centro commerciale dell’area, a pochi chilometri di distanza dal ‘Centro del Molise’ (il ‘Pianeta’ come viene chiamato comunemente in città) e dal ‘Monforte’ di contrada Colle delle Api. Certo, dal punto di vista geografico, siamo in territorio di Ripalimosani. Tanto è vero che il permesso a costruire è stato recapitato proprio all’Ufficio commercio del Comune guidato dal sindaco Marco Giampaolo.

Il progetto – ‘Ampliamento edificio commerciale e uffici con parziale demolizione e ricostruzione piano di industrializzazione Pesco Farese’ –  è della famiglia Potito, proprietaria del terreno. Il nuovo stabile, dotato ovviamente di ampio parcheggio, sarà quasi gemello del capannone già esistente e che ospita il grosso negozio cinese (anche questo di proprietà dei Potito). Sarà un mega polo dedicato al commercio, composto da un piano terra da 1900 metri quadrati, altrettanti al primo piano e un capannone da circa 4mila metri quadrati. 

Nuovo centro commerciale Campobasso

Quali attività ospiterà? Una nota agenzia immobiliare di Campobasso si occuperà dell’affitto dei locali del nuovo polo commerciale, ma in città – tra gli addetti ai lavori in particolare – già si parla della prossima apertura del Lidl, che avrebbe dovuto trovare posto in un altro centro commerciale che doveva essere costruito in contrada Colle delle Api, a Campobasso, di fronte al Bar Europa. Progetto – ormai è noto – che sembra essere definitivamente naufragato dopo il contenzioso legale che si trascina da anni tra i fratelli Potito, gli stessi imprenditori che ora stanno costruendo nella zona industriale di Ripalimosani.

Indiscrezioni destinate a rimanere tali: non ci sono conferme nè dall’agenzia immobiliare nè dallo stesso Comune di Ripalimosani. “Non sono arrivate in Comune richieste ufficiali in tal senso”, ha dichiarato a Primonumero il sindaco di Ripalimosani Marco Giampaolo. “In Comune è arrivato solo il permesso per costruire su quell’area privata un edificio commerciale con uffici”.

A favorire l’investimento anche alcune condizioni di contesto: “A Ripalimosani si pagano oneri di costruzione più bassi rispetto a Campobasso. Anche la Tari è più bassa. E poi i tempi per il disbrigo delle pratiche negli uffici comunali sono inferiori rispetto a quelli necessari al Comune di Campobasso”.

Come c’era da aspettarsi, la notizia ha suscitato una certa curiosità e – c’è da scommetterci – dividerà l’opinione pubblica tra favorevoli e contrari: da una parte, chi ritiene che si apriranno nuove prospettive occupazionali; dall’altra invece le persone che contestano la colata di cemento e l’apertura dell’ennesimo mega emporio in una zona già piena di ipermercati, supermercati e con due centri commerciali.

Senza dimenticare che in Comune a Campobasso un’altra nota famiglia di imprenditori, i Di Biase, ha presentato il progetto per ricostruire l’ex capannone di via Gazzani e aprire il discount Eurospin. 

Il progetto potrebbe inoltre convogliare sulla zona industriale i consumatori del capoluogo (oltre a quelli dei paesi vicini) prosciugando ulteriormente il traffico e provocando l’ulteriore diminuzione delle persone che fanno acquisti in centro. Sarebbe una iattura per i negozi già in crisi.