Dai terremoti agli incendi: vigili del fuoco insegnanti per un giorno nella scuola di Pietracatella

“A distanza di 17 anni, come ogni anno, il ricordo degli angeli di San Giuliano è sempre vivo nella memoria di tutti“, con queste parole il presidente dell’associazione vigili del fuoco Carlo Grieco ha spiegato uno dei motivi delle iniziative di sensibilizzazione che gli uomini del 115 continuano a organizzare nelle scuole.

Questa volta è toccato alla scuola primaria di Pietracatella dove l’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco e gli uomini del Comando provinciale di Campobasso hanno incontrato gli alunni per una ‘lezione speciale’: ai bambini hanno dimostrato, anche con l’ausilio di immagini, i comportamenti da tenere in caso di rischio domestico e di calamità naturali. E in particolare come comportarsi in caso di fughe di gas, incendi, terremoti e alluvioni.

C’è stata anche una dimostrazione pratica di vigili del fuoco che hanno mostrato agli alunni il funzionamento di divaricatori, martinetti e cuscini sollevatori che vengono utilizzati in caso di emergenza. In questo modo “i ragazzi hanno potuto sperimentare sotto forma di gioco situazioni di pericolo”.

Inoltre durante la manifestazione sono stati illustrate tramite filmati le attività delle squadre addestrate ad affrontare operazioni di ricerca e salvataggio nelle  macerie anche attraverso l’aiuto delle unità cinofile e l’utilizzo di geofoni e termocamere necessarie per la localizzazione dei superstiti e delle vittime. 

L’impiego delle tecnologie però non sarebbe sufficiente senza le doti umane che i Vigili del Fuoco hanno sempre dimostrato alle popolazioni durante le operazioni di soccorso e l’impegno orientato alle giovani generazioni nell’intento di prevenire ed assicurare la sicurezza. Come accaduto 17 anni fa, quando i pompieri dimostrarono spirito di sacrificio e abnegazione per salvare gli alunni della ‘Jovine’ di San Giuliano di Puglia travolti dal crollo della scuola dopo la scossa delle ore 11.32 del 31 ottobre.