Barista truffato su Facebook, i carabinieri denunciano un finto commerciante di Benevento

L'esercente aveva acquistato sul social un gazebo per il suo locale ma l'uomo che si è recato a San Polo per prendere le misure relative all'impianto e anche l'anticipo di mille euro, ha poi fatto perdere le sue tracce. I militari di Bojano lo hanno rintracciato e deferito all'autorità giudiziaria

I carabinieri di Bojano hanno chiuso il cerchio su una truffa, che vede vittima il titolare di un bar di San Polo Matese e hanno denunciato un 41enne beneventano.

Qualche mese fa, il barista dovendo installare un gazebo all’esterno della sua attività per regalare un po’ più di comfort nel periodo invernale ai suoi clienti, aveva eseguito una ricerca in “rete” e quindi anche su Facebook dove di recente è stato aggiunto un “mercato virtuale”.

Proprio sul famoso sociali ha trovato il gazebo che cercava, contattato il venditore e concordato un incontro per effettuare le misurazioni dell’area interessata dall’installazione.

Dopo qualche giorno si presenta sul posto un giovane campano che prese le misure lascia al commerciante una proposta di commissione sulla cui intestazione vi è riportato il nome di una ditta di tendaggi.

Dal momento dell’incontro trascorrono i canonici 20 giorni richiesti dal venditore per le pratiche amministrative, peccato però che i giorni si raddoppiano, e poi si triplicano, fino a che il barista è costretto a rivolgersi ai Carabinieri della Stazione di Bojano, perché non riesce ad aver più contatti con colui che aveva incassato  l’anticipo dell’importo di circa mille euro.

Immediatamente dopo aver raccolto la denuncia, i carabinieri di Bojano effettuano i primi accertamenti, appurando che la ditta venditrice è fittizia e la proposta di commissione non ha alcun valore legale.

Tramite l’utenza utilizzata per effettuare i contatti, nonché lo stesso social network, si è riusciti ad individuare il soggetto di origini beneventane denunciato per truffa aggravata.